Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli eventi last minute aggiornano il bilancio prima dell’assemblea

Chiusura di un contenzioso legale con un importo diverso da quello preventivato. Vendita nel 2013 di una giacenza di magazzino a fine anno a un prezzo inferiore rispetto al costo. Scoperta di un errore o di una frode. Sono alcuni degli eventi accaduti a inizio anno (e quindi dopo la chiusura dell’esercizio) che influenzano il bilancio dello scorso anno, che ormai si avvia all’approvazione con la convocazione delle assemblee entro il 30 aprile. Vanno, però, distinte le situazioni che incidono sul rendiconto dell’anno scorso e quelle che, invece, necessitano solo di un restyling alla nota integrativa. La bussola per professionisti e imprese è rappresentata dal principio contabile Oic 29. Ma vediamo nel dettaglio.
L’obbligo di correzioni
Gli eventi che richiedono un intervento sulle cifre del progetto di bilancio riguardano condizioni già esistenti alla data di riferimento del rendiconto ma che si manifestano solo dopo la chiusura dell’esercizio. Si rendono quindi necessarie modifiche ai valori delle attività e passività in bilancio mentre, qualora il loro effetto non fosse determinabile, basterebbe darne informazione nella nota integrativa. Quali sono gli esempi di eventi che rientrano in questa categoria?
eLa definizione dopo la chiusura dell’esercizio di una causa legale in essere alla data di bilancio per un importo diverso da quello prevedibile a tale data.
rLe situazioni intervenute dopo la data di chiusura dell’esercizio da cui emerga che alcune attività già alla data di bilancio avevano subìto riduzioni durevoli di valore o riduzioni del valore di mercato rispetto al costo (a seconda delle fattispecie) o evidenzino situazioni, esistenti alla data di bilancio, che incidano sulle valutazioni di bilancio. Può essere il caso della vendita nel 2013 di giacenze di magazzino a prezzi inferiori rispetto al costo, o della definizione nei primi mesi di quest’anno di un maggior prezzo di acquisto di un’attività acquisita o di un minor prezzo di vendita di un’attività ceduta nel 2012. O ancora rientra in questa categoria la scoperta di un errore o di una frode.
Basta la nota integrativa
Non vanno, invece, a cambiare il bilancio quegli eventi che modificano situazioni già esistenti alla data di riferimento del bilancio ma che, non richiedendo variazione dei valori, devono essere solo menzionati in nota integrativa o, a seconda dei casi, nella relazione sulla gestione, perché comportano, nell’esercizio successivo, variazioni straordinarie o rilevanti della situazione di attività o passività esistenti alla data di chiusura. Vanno menzionati in quanto la mancata comunicazione comprometterebbe la possibilità per i terzi di fare corrette valutazioni e prendere appropriate decisioni. Rientrano, tra gli altri, in questa situazione:
– la diminuzione nel valore di mercato di alcuni titoli nel periodo successivo rispetto alla chiusura dell’esercizio;
– la rinuncia di un finanziatore, tra la data di chiusura dell’esercizio e quella di formazione del bilancio, a richiedere il pagamento immediato di un debito a lungo termine come conseguenza della violazione – entro la chiusura dell’esercizio – di una clausola contrattuale;
– la sostituzione di un prestito a breve con uno a lungo termine conclusasi tra la data di chiusura dell’esercizio e quella di formazione del bilancio;
– la ristrutturazione di un debito con effetti contabili nel periodo tra la data di chiusura dell’esercizio e quella di formazione del bilancio.
Le direttrici
Nella relazione sulla gestione il Codice civile richiede che in ogni caso risultino i fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio (articolo 2428, comma 3, numero 5). Il termine entro il quale il fatto si deve verificare perché se ne debba tenere conto è, nella generalità dei casi, individuato con la data di redazione del progetto di bilancio d’esercizio da parte degli amministratori. Qualora, tuttavia, tra la data di formazione del bilancio e la data di approvazione da parte dell’organo assembleare si verificassero eventi tali da pregiudicarne l’attendibilità nel suo complesso, gli amministratori devono modificare il progetto di bilancio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa