Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli e-book con Iva al 22%

La circolare 23/E del 24 luglio 2014 sul settore dell’editoria fa luce sul regime speciale Iva in relazione alle vendite congiunte di prodotti editoriali con supporti integrativi e altri beni. Dal 1° gennaio 2014 le cessioni congiunte con supporti integrativi sono state fortemente limitate: con tale termine ora «si intendono i nastri, i dischi, le videocassette e gli altri supporti sonori, videomagnetici o digitali ceduti, anche gratuitamente, in unica confezione unitamente ai libri per le scuole di ogni ordine e grado e per le università, ivi inclusi i dizionari, e ai libri fruibili dai disabili visivi, a condizione che i beni unitamente ceduti abbiano prezzo indistinto e che, per il loro contenuto, non siano commercializzabili separatamente».
Per tali cessioni, indipendentemente dal costo di acquisto dei supporti integrativi sostenuto dall’editore, è applicabile il regime speciale con il criterio della forfetizzazione della resa e l’aliquota ridotta del 4% sulla base del prezzo di vendita al pubblico dell’intera confezione. Qualora non ricorrano le condizioni indicate si applica il sistema della cessione congiunta con “altri beni”.
A questo proposito la circolare ricorda che ci sono due tipologie di libri di testo: in forma mista e in versione digitale entrambi identificati da un unico Isbn e da un prezzo di copertina cumulativo.
L’Agenzia ha chiarito che il regime speciale è applicabile esclusivamente ai libri di testo su carta o su qualsiasi tipo di supporto fisico e ai libri di testo in cosiddetta forma mista (per le scuole di ogni ordine e grado) caratterizzati da una parte in formato cartaceo (testuale-narrativa, descrittiva-esplicativa) e da una parte di contenuti digitali integrativi (contenuti su un CD o altro bene suscettibile di essere considerato supporto integrativo). Sono pertanto esclusi dal regime speciale i libri di testo in versione digitale.
La circolare precisa inoltre che il supporto integrativo deve avere funzione complementare al libro a cui è abbinato. Nell’ipotesi in cui il contenuto digitale integrativo sia fruibile esclusivamente “online” ovvero “scaricabile” da internet, la fornitura del contenuto digitale integrativo è qualificabile come servizio prestato per via elettronica. Pertanto se l’acquirente paga un corrispettivo, lo stesso dovrà essere considerato autonomamente assoggettato a Iva con aliquota ordinaria. Ciò in base al principio che le pubblicazioni diffuse telematicamente non rientrano nel regime speciale Iva editoria di cui all’articolo 74, comma 1, lettera c) del Dpr 633/1972, né possono fruire dell’aliquota del 4% di cui al n. 18 della Tabella A, parte II allegata allo stesso Dpr 633/1972, in quanto considerate prestazione di servizi al pari di tutte le operazioni rientranti nel commercio elettronico diretto (risoluzione 186/E/2003).
Un caso particolare è rappresentato dalla cessione di un prodotto editoriale cartaceo che contenga una chiave di accesso mediante la quale l’acquirente può acquisire, mediante collegamento a portale internet, copia in formato elettronico del prodotto cartaceo già acquistato ovvero aggiornamenti del prodotto cartaceo finalizzati a modificare /integrare parte del contenuto del medesimo prodotto cartaceo. L’Agenzia ha chiarito che se l’acquirente paga un corrispettivo per il servizio online, lo stesso dovrà essere considerato autonomamente assoggettata a Iva con aliquota ordinaria; se per l’acquisizione della chiave di accesso contenuta all’interno del prodotto editoriale, l’acquirente non deve pagare un corrispettivo, alla cessione del prodotto cartaceo si applica il regime speciale Iva.
Alle cessioni congiunte di prodotti editoriali con altri beni con prezzo indistinto e in un’unica confezione, l’imposta si applica, in ogni caso, con l’aliquota di ciascuno dei beni ceduti e con il sistema delle copie effettivamente vendute.
Il costo di acquisto e/o produzione del bene congiunto sostenuto dall’editore non deve essere superiore al 50% del prezzo dell’intera confezione; in caso contrario la cessione congiunta comporta l’applicazione del regime normale Iva.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La nuova autorità nasce il mese prossimo con l'obiettivo di colpire i traffici illeciti. Leggi ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alle imprese italiane che hanno fatto ricorso alle moratorie previste dall’articolo 56 del decret...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una spinta, sia pure indiretta, a una più complessiva riforma della riscossione (cui peraltro il G...

Oggi sulla stampa