Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli agenti nell’era dei servizi digitali tra video visite e prezzi trasparenti

Gli agenti nell’era dei servizi digitali tra video visite e prezzi trasparentiProptech e reti immobiliari. La tecnologia applicata ai passaggi dell’iter di compravendita arricchisce gli strumenti con app in grado di dare indicazioni precise sulle quotazioni al metro quadro e informazioni dettagliate sugli alloggiAdriano Loveraadobestock Svolta digitale. La tecnologia contagia ogni passo dell’iter di compravendite e locazioni immobiliari, dal marketing alla ricerca di una casa, per arrivare alla valutazione del metro quadrato. 

L’innovazione tecnologica è sempre al centro della strategia delle reti immobiliari, per rendere il lavoro più veloce e puntuale, e spingere sul marketing digitale. Un trend accelerato dalla pandemia da Covid-19.

Su questo versante, un deciso passo in avanti è stato messo a segno da Tecnocasa, che ha stretto una partnership con Hootsuite, tra le società leader nel social media management, a beneficio di tutte le 2.300 agenzie in franchising del gruppo. Hootsuite era già il partner di Tecnocasa per la gestione delle pagine social a livello corporate.

«Adesso, abbiamo dato la stessa possibilità alle agenzie» racconta Alessandro Caglieris, amministratore delegato di Tecnomedia, la società di servizi del gruppo. In buona sostanza, se prima le agenzie presidiavano i social network senza un coordinamento centrale, per lo più tramite fanpage locali, adesso possono allestire una Local page ufficiale, in cui veicolare messaggi propri (sotto la supervisione del marchio) o anche semplicemente accogliere i post prodotti direttamente da Tecnocasa, così da non restare mai senza contenuti. Il “pacchetto” digitale permette all’agenzia di creare immagini, video ed essere presente contemporaneamente su Facebook, Google, Linkedin, Instagram. Forse, presto, anche su Twitter. Dopo qualche mese di rodaggio e formazione, oggi il 67% degli affiliati usa quotidianamente lo strumento. «Sono servizi accessori, ma ormai indispensabili – racconta ancora Caglieris -. Fino a qualche anno fa la clientela era divisa in modo piuttosto netto, tra chi già si era aperto al digitale e chi, invece, pretendeva soltanto l’approccio fisico. Oggi, invece, la platea è più uniforme. I potenziali clienti iniziano a dialogare sui social e poi vanno in agenzia. Un dato spiega il fenomeno. Sul portale Tecnocasa, ormai il “chatbot” è diventato il secondo canale più usato da chi chiede un contatto o un’informazione su un immobile, secondo soltanto al classico form di richiesta». Questo perché la chat dà fiducia, regala la sensazione di un contatto nascosto, ancora poco invasivo, rispetto ad altre opzioni che sono la telefonata o la mail diretta all’agenzia.

Un elemento determinante del mercato, sempre più collegato alla tecnologia, riguarda la valutazione del prezzo corretto degli immobili. I grandi franchising, che hanno a disposizione una mole enorme di “big data”, sono avvantaggiati nel sistema della comparazione. Tecnocasa fa stampare ai suoi agenti un “market report” di diverse pagine, per giustificare al cliente una determinata stima. Ma la start up Reopla, proprietaria di Agentpricing, uno dei tool di valutazione più utilizzati, ha rilasciato una nuova app che traccia una mini rivoluzione nel settore: Agentpricing Venduto. Lo strumento è riservato solo ai professionisti, non ai privati, e offre una banca dati di oltre 400mila valori reali di compravendita, verificati in conservatoria, così da facilitare e rendere più rapida la stima del prezzo a seconda della zona e del tipo di immobile.

«Chi vende casa, oggi, desidera un mercato trasparente e professionisti in grado di fornire valutazioni coerenti e oggettive» commenta l’amministratore delegato di Reopla, Patrick Albertengo. «Con l’esplosione dei valutatori online automatici, l’intento del prodotto è di fornire nuovamente centralità ai professionisti».

Sulla stessa scia, ma rivolto soltanto a grandi investitori o gestori di patrimoni real estate, Scenari Immobiliari ha da poco presentato l’aggiornamento di Real Value, un database basato sui big data, che oggi dà accesso a una mole di quasi dieci milioni di dati, a partire da prezzi e canoni per tutti i principali settori di mercato (residenziale nuovo e usato, uffici nuovi, usati e direzionali, negozi, high street, commercio, logistico e industriale).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ita, la nuova compagnia aerea a controllo pubblico, si chiamerà Alitalia, come la vecchia. Lo stor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Strada spianata per la fusione Sia-Nexi, che ora avverrà «nei più brevi tempi possibili», scriv...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra anche il reddito di cittadinanza nel decreto fiscale collegato alla manovra all’esame oggi ...

Oggi sulla stampa