Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Giustizia, l’ultimo sì ridotti di un quarto i tempi dei processi

En plein al Senato sulla giustizia. Un unicum, in verità. Non era mai accaduto che in soli due giorni una delle due Camere licenziasse riforme così pregnanti per la giustizia penale e quella civile. Due richieste di fiducia. Ieri quella sulla riforma del processo civile, che si è chiusa con 201 voti a favore e 30 contrari. A votare contro FdI e Alternativa c’è. Tra oggi e domani nuova fiducia sul processo penale. Il civile dovrà andare a Montecitorio. Il penale otterrà il via libera verso i decreti legislativi. Sulla giustizia il governo rispetta i tempi del Pnrr che dà alla Italia 2,3 miliardi per ridurre i tempi della giustizia civile del 40% e quelli del penale del 25%.A parte la protesta dei senatori del gruppo di Altermativa c’è con in testa Mattia Crucioli, arrivati allo scontro con la maggioranza mentre in commissione si discutevano proprio i loro 1.700 emendamenti al processo penale, stavolta tutto è filato liscio. I giorni caldi della Camera, tra fine luglio e inizio agosto con le richieste di M5S sul processo penale, sono alle spalle.Eppure proprio la Guardasigilli Marta Cartabia, mentre ieri mattina visitava gli uffici giudiziari di Perugia per il suo tour in tutte le corti di Appello, aveva parlato della sua “strana” maggioranza. Eccola dire: “Le riforme della giustizia stanno partendo in un contesto molto particolare che ha dei condizionamenti legati alla pandemia con cui tuttora facciamo i conti e con un governo supportato da una maggioranza molto ampia che è un punto di forza, ma anche molto variegata”. Ma al Senato, stavolta, non ci sono stati i venti di guerra. M5S plaude al voto sul civile che nasce dalla riforma presentata dall’ex Guardasigilli Alfonso Bonafede. Sono soddisfatti gli esponenti del Pd, la responsabile Giustizia Anna Rossomando e il capogruppo in commissione Franco Mirabelli, che giudicano il voto sul civile “un passo avanti importante sia per la giustizia italiana che per rispettare gli impegni del Pnrr”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo Google, anche Facebook firma un accordo che apre la strada alla remunerazione di una parte del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se lavori, niente assegno di invalidità. Lo dice l’Inps nel messaggio 3495 del 14 ottobre scorso...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ripensare, allungare, integrare Quota 102-104, eredi di Quota 100, per anticipare la pensione: tutt...

Oggi sulla stampa