Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Giudici anti-anatocismo

di Antonio Ciccia

Giudici contro il decreto Milleproroghe salva-anatocismo bancario. O è incostituzionale (ordinanza tribunale di Benevento 10 /3/2011) o non si applica al diritto di restituzione delle somme versate alle banche per pagare interessi su interessi (Tribunale di Treviso, sezione distaccata di Conegliano Veneto dell'1/3/2011). Tutti e due gli orientamenti salvano il correntista e sono una reazione giurisprudenziale all'art. 2-quinquies, comma 9, del decreto 225/2010, che ha ribaltato le posizioni di forza nelle cause per la restituzione degli interessi anatocistici. L'intenzione del legislatore è di bloccare i processi contro le banche, stabilendo che la prescrizione del diritto (a chiedere la restituzione) si conta dall'annotazione a debito degli interessi anatocistici e non dalla successiva chiusura del conto. Questo metodo di calcolo del termine di prescrizione, introdotto con una norma interpretativa e, quindi, retroattiva, significa che chi ha aspettato la chiusura del conto (come permetteva la stessa corte di cassazione a sezioni unite) si trova spiazzato e senza possibilità di mandare avanti o iniziare la causa (perché il diritto è prescritto). Solo chi ha già avuto la restituzione prima dell'entrata in vigore della legge 10/2011 di conversione del dl 225/2010 (e quindi prima del 28/2/2011) può tenersi le somme pagate dalle banche.

Fin qui il decreto legge come emendato dalla legge di conversione. Ma i giudici non ci stanno. Il tribunale di Benevento con una ordinanza resa in data 10 marzo 2011 ha rinviato la legge alla Consulta perché la esamini e si pronunci sulla sua legittimità: tra l'altro non convince la differenza tra chi ha già avuto un indennizzo e chi no. Il tribunale di Treviso-Conegliano Veneto, poi, con una sentenza pronunciata l'1/3/2011, resa nel procedimento rg 1104/2007, e quindi dopo l'entrata in vigore della legge di conversione del Milleproroghe (anche se solo di un giorno), ha condannato una banca per anatocismo illegittimo. Il giudice (non sono note le motivazioni) ha dovuto certamente fare i conti con la sopravvenuta norma interpretativa. È possibile che il tribunale abbia accettato la tesi del correntista, assistita dall'avvocato Franco Fabiani di Como e cioè che la norma del Milleproroghe, per come è scritta, non sia stata ritenuta applicabile alla restituzione degli interessi anatocistici. Secondo il correntista, infatti, per la domanda di rimborso il diritto non può che decorrere dall'avvenuto pagamento di quanto ritenuto indebito, che è cosa ben diversa dalla sua semplice annotazione in conto (che rappresenta una mera formalità contabile). Al massimo la nuova disposizione sulla decorrenza del termine potrà riguardare altri diritti, come ad esempio il diritto di contestare le annotazioni sull'estratto conto. Certo che una interpretazione di questo tipo neutralizza il chiaro scopo della norma e ridà fiato ai correntisti.



 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La segnalazione di Bankitalia su un’ipotesi di falso in bilancio rende legittimo il sequestro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Illimity Bank e un’affiliata di Cerberus capital management hanno perfezionato un’operazione di ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È ancora presto per dire che quello della raccolta di denaro fresco per le banche italiane non rapp...

Oggi sulla stampa