Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Giù i tassi a breve in tutta Europa

di Morya Longo

La Spagna ieri aveva in programma di collocare 5 miliardi di nuovi titoli di Stato a tre e cinque anni. Ma l'interesse degli investitori è stato così intenso, che Madrid ha raccolto un ammontare doppio e ha potuto spuntare rendimenti molto più bassi rispetto a quelli dell'ultima asta: dal 5,187% al 3,384% per i triennali. L'Italia ha registrato un successo analogo nella sua asta di BoT annuali: gli stessi investitori che li snobbavano a dicembre quando rendevano intorno al 6%, ieri li hanno acquistati come se fossero pepite per un tasso d'interesse lordo del 2,73%. E lo stesso buon umore si è riversato sui titoli di Stato a lunga scadenza, con gli spread scesi per tutti i Paesi: -38 punti base per l'Italia (a quota 479), -17 per la Spagna (a 340), -16 per la Francia (a 121), -22 per il Portogallo (a 1.047).
Di fronte a questo buon umore due sono le ipotesi: o lo scenario europeo è nettamente migliorato, oppure la speculazione anti-Europa ha semplicemente cambiato strategia. Sarebbe bello pensare che l'ipotesi giusta fosse la prima, ma i progressi fatti dalla politica europea verso la soluzione della crisi giustificano solo un cauto ottimismo. Non euforia. La realtà è forse meno poetica: i titoli di Stato a breve scadenza sono acquistati soprattutto dalle banche che hanno usufruito dei finanziamenti agevolati della Bce, mentre quelli a lunga scadenza sono comprati oggi da tutti quegli investitori che nel 2011 avevano speculato contro i BTp. Le ragioni, insomma, sono soprattutto tecnico-speculative. E hanno le loro radici nel 2011.
La grande scommessa
Partiamo dunque da qui. Il 2011 era iniziato bene per l'Italia. A gennaio i BTp decennali rendevano 1,83 punti percentuali più dei Bund tedeschi e sette mesi più tardi erano ancora fermi sulla stessa soglia. Ai tempi era la Spagna a impensierire gli investitori, dato che lo spread sui Bund era pari a 2,50 punti percentuali. Poi, improvvisamente, scoppia la tempesta. Non in Italia, né in Spagna. Ma più a est: in Grecia. A luglio la crisi di Atene deflagra e l'Unione europea dimostra di non sapere come risolverla. Solo il 21 luglio, a Bruxelles, i leader europei raggiungono un accordo: a pagare il conto della crisi ellenica – stabiliscono – saranno anche gli investitori, che dovranno sopportare una perdita del 21%. Sembrava la quadratura del cerchio. Purtroppo questa si è ben presto rivelata la peggior decisione che i capi di Stato potessero prendere.
Nel "salvataggio" greco c'è infatti una polpetta avvelenata: il valore dei titoli greci viene "sforbiciato" del 21%, ma per vari motivi questa perdita non dà diritto al risarcimento per chi ha comprato credit default swap (speciali polizze assicurative). Insomma: gli investitori che si erano assicurati contro il crack greco, scoprono che le loro polizze sono carta straccia. Per loro, dunque, non resta che vendere titoli greci. E poi anche italiani e spagnoli: chi può essere sicuro che, prima o poi, anche Spagna o Italia non facciano lo stesso scherzo? È così che lo spread spagnolo sale in 15 giorni a 397 punti base e quello italiano a 387. Siamo ad agosto.
La crisi degenera per tutti. Ma per l'Italia di più: la debolezza del Governo Berlusconi e il pasticcio della manovra d'estate la rendono infatti il Paese più vulnerabile. Questo rafforza la speculazione: gli investitori iniziano a vendere BTp e a comprare Bund, scommettendo sull'allargamento del loro differenziale. Questo diventa il leit motiv di fine 2011.
La grande cautela
Nel 2012, però, cambia qualcosa. Innanzitutto la Bce, a fine dicembre, eroga 489 miliardi di euro al tasso agevolato dell'1% alle banche: questo induce le banche (soprattutto in Spagna) a comprare titoli di Stato a breve termine. Ovvio il motivo: ottenendo denaro all'1% e investendolo in BoT al 5-6-7%, il guadagno è assicurato. Ecco che i rendimenti per i BoT e dei BTp a breve scadenza scendono a passi da gigante, inducendo anche gli altri investitori ad aggregarsi.
Da qualche giorno iniziano a vedersi anche timidi acquisti sui BTp a lunga scadenza. «Ne vedo tanti dalla Germania», riferisce un addetto ai lavori. Ma anche questo fenomeno ha una motivazione ben precisa: tutti i grandi investitori che nel 2011 hanno speculato sull'allargamento dello spread, oggi sanno che quel gioco non può più dare grandi guadagni. Anzi, presenta grandi rischi: con un BTp decennale al 7% e un Bund sotto il 2%, con lo sforzo fatto dal Governo italiano e con i primi passi europei verso il «fiscal compact», il rischio è che questa speculazione si ritorca contro chi l'ha fatta. Ecco perché gli investitori stanno piano piano iniziando a smontarla. Cioè comprare qualche BTp.
Purtroppo, però, sempre qui siamo: alla speculazione e ai timidi passi della politica. Nulla di veramente nuovo. Anche perché i fattori di preoccupazione, che potrebbero far cambiare il vento, sono ancora tanti. A partire dalla crisi greca. È per questo che mentre smontano la speculazione BTp/Bund, gli investitori ne costruiscono altre sempre contro l'Europa: scommettono sul ribasso dell'euro (comprando e vendendo opzioni put), oppure – come suggerisce Goldman Sachs – prendendo nuovamente a bersaglio la Francia. L'anno cambia, le strategie cambiano. Ma tutto il resto rimane uguale: del resto quando i mercati finanziari sono molto più grandi dell'economia reale, sono loro a guidare le danze.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa