Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I giganti europei lasciano Londra Deutsche Bank e Ubs traslocano

Interviene anche la Banca centrale europea a complicare il futuro della City post Brexit. Deutsche Bank starebbe valutando di riportare a casa centinaia di miliardi di attività di investment banking, finora per la maggior parte svolte a Londra, dopo l’addio del Regno Unito all’Unione europea, previsto il prossimo 29 marzo.

Se un portavoce della prima banca tedesca conferma che il gruppo aveva già annunciato l’anno scorso l’intenzione di «far diventare Francoforte il principale hub per i clienti dell’investment banking al posto di Londra», il Financial Times quantifica il valore del trasloco: Deutsche muoverebbe circa tre quarti dei 600 miliardi di asset stimati in bilancio, una somma che equivale a quasi la metà del totale detenuto dalle banche europee in Gran Bretagna. Un colpo non da poco per la City, già alle prese con i progetti di spostamento di uomini e attività da parte delle grandi banche internazionali, preparati nell’incertezza sui diritti di passaporto, visto lo stallo delle trattative tra il Regno Unito e l’Unione europea.

Proprio ieri Ubs ha deciso di trasferire il quartier generale dalla City a Francoforte, mettendo in conto lo scenario peggiore di Brexit, ossia l’uscita dalla Ue senza un accordo. Ad annunciare la scelta è stato l’amministratore delegato Sergio Ermotti, in un’intervista a Bloomberg tv, precisando che il gruppo svizzero ha preferito adottare una strategia multi-location, che prevede uffici a Milano, Madrid e Parigi. «Il sistema finanziario sta già operando sul presupposto che non vi sia alcun accordo», tra Gran Bretagna e Ue, ha spiegato Ermotti. Sottolineando che «qualunque cosa accadrà da ora in poi, non renderà l’operazione meno costosa». A suo tempo, Ubs aveva già calcolato che la Brexit sarebbe costata oltre 100 milioni di franchi, compreso il costo di trasferimento di personale dalla City di Londra.

Per Deutsche Bank il conto probabilmente sarà più salato, visto che l’investment banking è la divisione più grande e storicamente la maggiore fonte di profitti del gruppo tedesco. Venerdì scorso, ad Amburgo, il consiglio di Sorveglianza avrebbe rinnovato per altri 5 anni il mandato a Garth Ritchie, il sudafricano promosso unico risponsabile dell’investment banking lo scorso aprile, in occasione del cambio al vertice, che ha sostituito l’inglese John Cryan, con il tedesco Christian Sewing, attuale Ceo, per accelerare il turnaround.

Mentre è in corso il drastico piano di ristrutturazione, la vigilanza della Bce avrebbe chiesto a Deutsche Bank di aumentare capitale e liquidità in Germania per conformarsi alle regole per le filiali in un «Paese terzo», quale diventerà il Regno Unito quando lascerà l’Unione europea in marzo. Ma le richieste del supervisore starebbero diventando così onerose che è sempre più probabile che Deutsche trasformi il suo braccio britannico in una sussidiaria controllata dopo la Brexit.

Ma se l’impatto iniziale sull’organico dovrebbe essere modesto, più grave invece le conseguenze economiche per la City di Londra che potrebbe dover sopportare una massiccia fuga di capitali dopo il divorzio da Bruxelles, soprattutto per il maggiore controllo regolamentare sulle banche da parte della Bce. Secondo lo Z/Yen Global Financial Centres Index, Londra ha perso ben 8 punti nell’ultima classifica di centro finanziario più attrattivo del mondo ed è stata superata da New York. Se Francoforte e Parigi risultano essere le piazze preferite per le banche internazionali che vogliono restare nell’Unione europea, anche Milano sta beneficiando della fuga dalla City.

Giuliana Ferraino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa