Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Generali, trovata l’intesa tra Crt e i soci veneti

Si va verso un accordo, probabilmente «a tempo», tra Ferak e la Fondazione Crt sul destino della partecipazione del 2% delle Generali in capo al veicolo Effeti. La prossima settimana è in calendario il consiglio di amministrazione di Effeti. La convocazione è attesa a ore e con ogni probabilità il board dovrebbe tenersi a metà della prossima settimana. L’incontro sarà decisivo per capire come si muoveranno i due partner, ma secondo quanto trapela si andrebbe profilando una soluzione condivisa che prevede la nomina di un rappresentante super partes da indicare nel board di Trieste, il cui consiglio di amministrazione è in scadenza. In altre parole, l’ipotesi della scissione di Effeti e quella del voto disgiunto sarebbero state per il momento accantonate, e salvo colpi di scena si starebbe ragionando sullo status quo.
Nelle ultime settimane sarebbero proseguiti i contatti informali tra la Fondazione Crt e la vicentina Ferak per uscire dalla situazione di stallo in cui si è venuta a trovare Effeti. I rapporti tra i due soci di Effeti (il 49,9% dell’ente torinese e il 50,1% della società vicentina) si sono infatti raffreddati in seguito alla partita per il controllo di Fondiaria Sai che vedeva Palladio in pista per rilevare la compagnia con una offerta alternativa a quella di Unipol schierata con Mediobanca e UniCredit. Questa vicenda aveva creato dissapori tra Torino e Vicenza al punto che si stava ragionando sulla scissione di Effeti. Tale ipotesi, tuttavia, era sinonimo di pesanti minusvalenze in bilancio dato che la partecipazione a Trieste è in carico a 18 euro per azione contro un valore di Borsa di 12,4 euro.
Si è così valutata la strada del voto disgiunto, caldeggiata da Torino: in vista dell’assemblea di aprile delle Generali si potevano designare due delegati, ciascuno con un pacchetto di circa l’1% del Leone, in modo da poter consentire ai due soci di esprimere liberamente il proprio voto. Tale soluzione è stata però respinta da Ferak. Anche perché i due soci avevano preso degli accordi verbali in tema di nomine. Attualmente Effeti esprime un consigliere nel board della compagnia (l’ex segretario generale della Crt Angelo Miglietta) ma l’intesa stipulata al momento della costituzione della società prevedeva che al rinnovo del board di Trieste fosse proposto un rappresentante della cordata veneta. La Fondazione, stando ai patti, dunque, dovrebbe acconsentire a designare un esponente della cordata veneta nella lista di maggioranza che nelle prossime settimane sarà stilata da Mediobanca e dagli altri soci di spicco del Leone.
Il compromesso si sarebbe trovato intorno all’identikit del rappresentante nel board delle Generali: indicato da Ferak, certo, ma gradito alla Fondazione e nella sostanza «super partes». In proposito tra i nomi che è circolato c’è anche il professore Roberto Ruozi, attualmente presidente di Palladio, anche se altre fonti indicano che questa candidatura sarebbe già stata superata. Una sorta di tregua che però nella sostanza non sigilla certo una alleanza, ma guadagna tempo in attesa che le quotazioni del Leone di Trieste si risollevino e si possa così riprendere in considerazione la strada della scissione. Nello specifico, secondo quanto si apprende, il problema contabile è soprattutto in carico a Torino. Ferak, che detiene direttamente l’1,7% di Generali oltre alla quota in Effeti, non avrebbe minusvalenze in quanto la quota sarebbe stata coperta da derivati costruiti negli ultimi anni. Non a caso aveva manifestato la volontà di rilevare il pacchetto in capo a Crt a prezzi di mercato. Per l’ente torinese, invece, vendere a questi prezzi avrebbe significato contabilizzare una minusvalenza di circa 80 milioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non è stata una valanga di adesioni, ma c’è tempo fino a domani per consegnare le azioni Creval ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un altro passo avanti su Open Fiber, la rete oggi controllata alla pari 50% da Cdp e Enel, per accel...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il «passaggio di luglio» con la fine del blocco dei licenziamenti per le imprese dotate di ammorti...

Oggi sulla stampa