Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

General Electric e Microsoft, i big alleati sulla nuvola

Dall’industria alla «nuvola». General Electric e Microsoft si alleano per riscrivere il futuro dei big data e del cloud all’interno delle aziende.

Il colosso tecnologico di Bill Gates metterà a disposizione Azure, la sua piattaforma di servizi cloud, mentre la multinazionale statunitense, fondata nel 1892, il suo sistema operativo Ge Predix. Quest’ultimo è la piattaforma di cloud computing con cui General Electric punta a giocare un ruolo dominante nella rivoluzione digitale.

Tecnicamente Ge Predix è una Platform as a service, in gergo PaaS, ossia una piattaforma di elaborazione completamente in cloud. La sua funzione è quella di processare e gestire quantità enormi di dati e connettere le macchine industriali a internet tramite la nuvola. «Un passo in avanti nel semplificare il processo di business», afferma Jeff Immelt, amministratore delegato della multinazionale statunitense.

Il sistema operativo Ge Predix era già presente sulle piattaforme cloud di Amazon e Oracle. Microsoft ora sarà disponibile come terza opzione.

«Ogni industria e ogni società nel mondo sta trasformandosi grazie alle tecnologie digitali», spiega Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft. «Lavorare con un gruppo come Ge ci darà la possibilità di raggiungere un nuovo gruppo di clienti e accelerate i loro cambiamenti, dalla linea di produzione fino agli uffici intelligenti».

Questa alleanza è un passo importante per Microsoft, che sta cercando di affermarsi come partner privilegiato per le grandi imprese nel noleggio di risorse di cloud computing. Un settore in cui al momento è leader Amazon, il colosso del commercio elettronico fondato da Jeff Bezos.

Microsoft mira a conquistare i clienti di Ge Predix e di portarli a scegliere Azure, puntando nei prossimi anni sulla sinergia del software di General Electric con i suoi servizi più utilizzati. La partnership prevede infatti nei prossimi anni un’integrazione di Ge Predix con Cortana, l’assistente vocale di Microsoft, e Office 365, la piattaforma di produttività del gruppo del Ceo Nadella.

Dal lato di General Electric questo accordo rappresenta invece un altro passo avanti verso il tentativo di arrivare nel 2016 a 6 miliardi di dollari di fatturato nel settore del digitale e raggiungere entro il 2020 i 15 miliardi.

Gabriele Principato

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa