Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gavio riparte su Impregilo, nuovo ricorso contro Salini

Gavio riparte all’attacco su Impregilo. Nella settimana in cui su Salini è caduto il sospetto dell’aggiotaggio, l’acerrimo rivale lancia l’ennesima offensiva giudiziaria. Secondo quanto appreso dal Sole 24 Ore, nello scorso week-end sarebbe stato depositato un ricorso contro la sentenza del Tribunale che ha stoppato Gavio. Il tutto mentre Salini si appresta, a sei mesi dalla presa del comando in Impregilo, ad alzare il velo sulla nuova Impregilo e presentare il piano industriale imperniato sul matrimonio commerciale con la Salini Costruzioni. Secondo le prime indiscrezioni raccolte, verrà presentato un gruppo esclusivamente concentrato sulle grandi opere, in Italia e all’estero.
Lo scorso 4 novembre, il giudice Vincenzo Perozziello, ha gelato Gavio stabilendo che la fatidica assemblea di luglio che ha incoronato Salini dominus di Impregilo è regolare e ha negato la richiesta di sospensiva di Gavio che lamentava irregolarità nella raccolta delle deleghe. Quella decisione è stata il primo punto fermo dopo mesi di battaglie legali, scandita da continui esposti e ricorsi. Salini aveva incassato la prima vittoria, e almeno veniva archiviato un primo fronte.
Poi, la scorsa settimana, ecco una nuova mina giudiziaria esplosa in casa Salini: il patron Pietro e il braccio destro Massimo Ferrari risultano finiti sotto indagine per aggiotaggio. Il fascicolo aperto dagli inquirenti si va ad aggiungere a un altro già avviato a settembre, sempre da parte dello stesso pm, Isidoro Palma. La prima indagine è stata avviata sul nodo del conflitto di interesse di Pietro Salini, che indossa il doppio cappello di amministratore delegato della sua azienda e di Impregilo: in particolare le attenzioni dei magistrati si sono concentrate su una gara in Romania dove hanno partecipato entrambe le società con risultati opposti. La nuova indagine, che ipotizza un reato più grave, nasce invece da uno dei tanti esposti alla Consob presentati da Gavio su un presunto “patto occulto” tra Salini e il fondo Amber (i cui rappresentanti, Joseph Ourghulian e Umberto Mosetti sono stati anch’essi iscritti nel registro degli indagati) nell’assemblea che sancito il ribaltone mandando la famiglia di Tortona in minoranza. Il faldone è successivamente finito sul tavolo della Procura, con la differenza che un concerto tra soci, se fosse provato, comporterebbe una sanzione amministrativa della Consob, l’aggiotaggio è un reato penale.
L’inattesa notizia della nuova indagine ha ringalluzzito Gavio che ora si sente più forte e ha deciso di passare al contrattacco. Cercando di smontare quella prima vittoria ottenuta da Salini. Il giudice avrebbe fissato l’udienza di appello il 10 gennaio del prossimo anno. Quando sembrava che la partita giudiziaria stesse in qualche modo passando in secondo piano, ecco che tutto è tornato in gioco. Sono quasi una decina i fronti aperti contro Salini che, dal canto suo, legge il continuo assedio legal-giudiziario come l’incapacità del rivale di accettare la sconfitta. I signori delle autostrade hanno prima presentato un esposto in Consob accusando Salini di un concerto (da cui è partita l’indagine resa nota la settimana passata), poi hanno impugnato l’assemblea (ed è la sentenza contro la quale hanno fatto il nuovo ricorso). Dopo la presentazione del’accordo strategico tra le due aziende a fine settembre, che dovrebbe porre le basi per un futuro matrimonio, Gavio ha iniziato avviato un’azione di responsabilità contro l’attuale management targato Salini.
Ci sono inoltre le due indagini della Procura e per finire un’istruttoria aperta dall’Antitrust: per gli sceriffi della concorrenza Impregilo non è controllata da Salini in maniera esclusiva e quindi il già citato accordo strategico non può considerarsi infra-gruppo e di conseguenza è a rischio di abuso di posizione dominante. Di qui l’apertura di un’istruttoria.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa