Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gare telematiche

Il Consiglio di Stato con sentenza n. 4676/2013 ha precisato che l’apposizione della firma digitale, nelle gare gestite in forma telematica, «_.è di per sé idonea a soddisfare i requisiti dichiarativi di cui al comma 3 dell’articolo 38 del dpr 445 del 2000, anche in assenza dell’allegazione in atti di copia del documento di identità del dichiarante».

In linea di principio le dichiarazioni rese, ai sensi degli articoli 38 e 47 del dpr 445 del 2000, attraverso l’apposizione di una firma digitale, non esonerano il dichiarante dall’onere di allegare copia di un proprio documento di identità.

Tuttavia la gara in questione è stata interamente gestita in forma telematica e l’articolo 77 comma 6 lettera b del dlgs 163/2006 stabilisce che «le offerte presentate per via elettronica possono essere effettuate solo utilizzando la firma elettronica digitale come definita e disciplinata dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82».

Il comma 1 dell’articolo 65 del dlgs 82 del 2005 precisa che le istanze e le dichiarazioni, presentate alle pubbliche amministrazioni per via telematica, sono valide se sottoscritte mediante la firma digitale il cui certificato è rilasciato da un certificatore accreditato. La norma di riferimento non subordina in alcun modo il riconoscimento di tale validità alla condizione che l’apposizione della firma digitale sia accompagnata dalla copia del documento di identità.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa