Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fusioni-scissioni, schemi facilitati

Riduzione degli oneri amministrativi per le operazioni di fusione e scissione. Soprattutto per quanto riguarda gli obblighi di pubblicazione e di documentazione a carico delle società in relazione a queste due operazioni straordinarie. È quanto stabilito dal dlgs approvato il 7 giugno 2012 dal consiglio dei ministri, su delega conferita con la legge comunitaria 2010, che dà attuazione alla direttiva n. 2009/109/Ce riguardante gli obblighi in materia di relazioni e documentazione in caso di fusione e scissione. Novità importanti in termini di semplificazioni informative sono quelle apportate agli articoli artt. 2501-ter, comma 3 c.c. e 2506-bis, comma 5 c.c.: in alternativa al deposito del progetto di fusione e di scissione presso il registro delle imprese è possibile la pubblicazione degli stessi sul sito internet della società con modalità che garantiscano la sicurezza del sito e l’autenticità dei documenti. Al fine di adeguare gli oneri di documentazione alle esigenze di semplificazione si è previsto (modificando l’art. 2501-quater del c.c.) l’esonero dell’organo amministrativo delle società partecipanti alla fusione dalla redazione della situazione patrimoniale, quando vi rinunciano all’unanimità i soci di tutte le società partecipanti alla fusione. Viene inoltre previsto che l’organo amministrativo delle società partecipanti alla fusione è esentato dalla redazione della situazione patrimoniale delle società là dove vi rinuncino all’unanimità i soci e i possessori di altri strumenti finanziari che attribuiscono il diritto di voto a tutte le società partecipanti alla fusione: la situazione patrimoniale potrà essere sostituita oltre che dal bilancio relativo all’esercizio chiuso non oltre sei mesi prima il deposito/pubblicazione del progetto di fusione anche dalla relazione semestrale riferita a una data non antecedente i sei mesi dal deposito o dalla pubblicazione su internet del progetto di fusione. Con riferimento alla scissione mediante costituzione di una o più nuove società (attraverso la modifica del terzo e quinto comma dell’art. 2506-ter c.c.), per la quale è previsto il criterio proporzionale per l’attribuzione delle azioni o quote, le società sono esonerate dalla redazione della situazione patrimoniale di cui all’articolo 2501-quater c.c. e delle relazioni previste dagli articoli 2501-quinquies e 2501-sexies del c.c.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa