Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fusioni e scissioni con iter semplificati e documenti online

Fusioni e scissioni con adempimenti procedurali ridotti al minimo. E debutto della telematica in alternativa al deposito di documenti al registro imprese. Sono queste le novità introdotte dal decreto legislativo 123/2012, che è entrato in vigore lo scorso 18 agosto e che, quindi, si applicherà alle operazioni straordinarie calendarizzate per quest’ultimo scorcio di 2012.
Meno adempimenti
In passato, nelle operazioni societarie che interessano soggetti di piccole dimensioni, spesso senza vera alterità tra i soci coinvolti, si è avvertito il peso di procedure che erano prive di valore sostanziale. Ora, il decreto legislativo 123/2012 permette, con l’eccezione del progetto di fusione/scissione, di omettere tutti gli adempimenti che tradizionalmente accompagnano le operazioni, sempre che i soci coinvolti esprimano parere unanime in tal senso.
Rientrano in questo contesto le modifiche agli articoli 2501-quater e 2501-quinquies del Codice civile, dedicati rispettivamente alle situazioni patrimoniali delle società coinvolte nell’operazione (aggiornate a una data non anteriore di oltre quattro mesi dalla data del deposito del progetto), e alla relazione degli amministratori. Questi adempimenti, in presenza dell’accordo unanime dei soci, ora possono non essere eseguiti, mentre la relazione dell’esperto sul rapporto di cambio era già stata resa facoltativa, sempre con accordo unanime dei soci, dal decreto legislativo 147/2009.
Su tale intervento, sono necessarie due precisazioni.
eIl nuovo testo dell’articolo 2501-quinquies del Codice civile, mentre da un lato elimina la relazione degli amministratori, dall’altro lato aggiunge un adempimento a cura dell’organo amministrativo, consistente nell’obbligo di dare una informativa ai soci in merito alle variazioni degli elementi dell’attivo e del passivo avvenuti tra il deposito del progetto e la delibera di approvazione in base all’articolo 2502 del Codice civile. Tale informativa non va considerata quale contenuto della relazione, poiché va resa in un momento successivo a quello in cui la relazione stessa dovrebbe essere eseguita. Si tratta di una informativa che fino a qualche tempo fa era semplicemente suggerita, mentre ora diviene un obbligo. Quanto alla forma e al momento in cui l’informativa deve essere consegnata ai soci, l’articolo 2501-quinquies si limita ad asserire che l’informativa va fatta «ai soci in assemblea» quindi in sede di delibera di fusione/scissione. Di essa dovrebbe essere dato atto nel verbale della stessa deliberazione.
rIn merito alla possibile rinunzia alla relazione del l’esperto, già sancita dal decreto legislativo 147/2009, va segnalato che essendo posti in capo all’esperto due possibili compiti, cioè la relazione sulla congruità del rapporto di cambio e la stima peritale nel caso di operazione disomogenea (fusione o scissione in cui l’avente causa è società di persone), se la relazione non fosse necessaria, resterebbe comunque imprescindibile la stima peritale, adempimento posto a tutela dei terzi e non dei soci.
Inoltre, il decreto legislativo 123/2012 interviene sull’articolo 2506-ter, comma 3, del Codice civile in materia di adempimenti per le scissioni. Già prima della modifica se la scissione fosse stata a favore di beneficiaria neocostituita e avesse avuto natura proporzionale non sarebbe stata necessaria, di diritto, la relazione del l’esperto.
Dal 18 agosto scorso, a tale esonero, si aggiunge anche l’esonero dalla relazione patrimoniale e dalla relazione degli amministratori. Già nella precedente versione, l’articolo 2506-ter del Codice civile prevedeva che questi adempimenti fossero azzerabili con il consenso unanime dei soci, ma ora nella nuova versione l’esonero prescinde dal consenso unanime e dipende solo dalla condizioni di neocostituzione della beneficiaria e proporzionalità della scissione.
La telematica
Il decreto legislativo 123/2012 ha introdotto la possibilita di eseguire il deposito del progetto pubblicandolo sul sito web della società, in sostituzione sia dell’iscrizione al registro imprese sia del deposito presso la sede della società (in quest’ultimo caso insieme ai documenti previsti, cioè situazioni patrimoniali, relazioni e bilanci degli ultimi tre esercizi).
Ma, anche se si dispone la procedura alternativa del deposito nel sito web, resta obbligatorio iscrivere al registro imprese i documenti previsti dal l’articolo 2501-septies del Codice civile, poiché in base all’articolo 2502-bis del Codice civile la delibera di approvazione della fusione/scissione va iscritta al registro imprese insieme ai documenti dell’articolo 2501-septies.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa