Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fusione Fonsai-Unipol Consob verso il verdetto

MILANO — La Consob si è riunita ieri sera e oggi è probabile arrivi il verdetto sull’esenzione dall’Opa chiesta da Unipol, mentre ieri il piano di aggregazione ha fatto mezzo passo avanti: la Milano ha accolto le indicazioni di Fonsai sui concambi. Premafin ha invece aggiornato i lavori a oggi. A breve potrebbe dunque essere formalizzata la proposta sui valori economici post fusione al gruppo bolognese.
Sempre ieri la holding ha rinviato al 12 giugno l’assemblea su conti 2011 e aumento di capitale riservato a Unipol, in attesa appunto dei concambi, preliminari per l’accordo sul debito con le banche e quindi per chiudere il bilancio in continuità: gli istituti ieri hanno ribadito che l’intesa verrà sottoscritta solo dopo la definizione dei valori economici. Il rinvio era del resto ormai scontato. Giulia Ligresti, presidente della holding, ha spiegato che l’assemblea è stata aggiornata «a una data per la quale si ritiene prevedibile che tutte le condizioni per il progetto di integrazione possano essere avverate». Più precisamente si spiega in una nota che il rinvio è spiegato «dal fattivo intensificarsi delle negoziazioni in corso con le controparti, che dovrebbero auspicabilmente condurre nei prossimi giorni a un’intesa sui valori economici della fusione», nonché dal «possibile pronunciamento a breve della Consob in merito all’esenzione dell’obbligo di Opa in capo a Unipol».
Nella stessa mattinata di ieri sui concambi si è riunito il consiglio della Milano, assistito dallo studio Pedersoli. Al termine il board ha comunicato che la «soglia minima» di valore economico attribuibile alla compagnia per proseguire nelle discussioni è pari al 10,7%, cioè la percentuale proposta da Fonsai. Il consiglio, che ha anche dato mandato ad Angelo Casò per i negoziati, è quindi decaduto per le dimissioni di due amministratori e si procederà alla nomina di quello nuovo in un’assemblea che potrà tenersi a metà luglio. Il board di Fonsai ha invece deciso di convocare nuovamente per fine giugno con lo stesso ordine del giorno l’assemblea sull’aumento per cautelarsi verso la possibile decadenza della delibera a causa del patto sulla manleva Premafin-Unipol allora non dichiarato e rilevato dalla Consob.
Infine la Consob potrebbe pronunciarsi sul quesito sull’esenzione dall’Opa presentato dal gruppo bolognese: secondo fonti finanziarie la commissione, tornato il presidente Giuseppe Vegas dalla Cina, si è riunita ieri sera e il «verdetto» potrebbe arrivare oggi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa