Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Formazione a distanza limitata

Formazione a distanza (Fad) nei limiti del 40% dei crediti nel triennio. Il periodo di valutazione dell’obbligo formativo sarà di tre anni, nei quali occorrerà accumulare 60 crediti formativi (almeno 15 all’anno), di cui nove in ordinamento/previdenza/deontologia forense. Gli eventi formativi potranno essere organizzati da enti pubblici e privati, da parte del Cnf e dei consigli dell’Ordine, che entro il 31 gennaio di ogni anno renderanno noto il Piano dell’offerta formativa.

Formazione e aggiornamento sono le due fondamentali modalità che l’avvocato, in libertà, potrà seguire per adempiere all’obbligo, deontologico e ora anche legislativo, della formazione continua.

Questo per effetto della pubblicazione del regolamento del Consiglio nazionale forense n. 6/2014 che disciplina le nuove modalità per la formazione continua, in attuazione dell’articolo 11 della Nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense (legge 247/2012). Le nuove modalità (si veda ItaliaOggi del 29 ottobre scorso) sono ispirate, spiega una nota del Cnf, all’obiettivo di promuovere l’adempimento di tale obbligo da parte degli avvocati nella maniera più proficua e utile per le specifiche necessità di ciascuno e per assicurare, tramite il principio di competenza, la migliore tutela ai diritti dei cittadini. Il nuovo sistema entrerà in vigore il 1° gennaio 2015.

Nozione di attività formative

I principi generali cui si ispira il regolamento declinano il concetto di formazione continua ricomprendendo in essa tutte le attività a carattere formativo che danno luogo a percorsi di apprendimento e di acquisizione di conoscenze e competenze in tempi successivi rispetto a quelli della formazione iniziale, come comunemente e universalmente inteso in campo formativo.

Le attività possono essere di «aggiornamento», finalizzato all’adeguamento della formazione iniziale; e di «formazione» ossia volte alla acquisizione di nuove competenze o di maggiore specializzazione.

Libertà di formazione

L’obbligo formativo viene coniugato con il principio della libertà di formazione, teso a consentire all’avvocato la scelta degli eventi da seguire il più ampia possibile e coerente con i propri fabbisogni formativi.

È ammessa la formazione a distanza (Fad) nei limiti del 40% dei crediti nel triennio.

Il sistema di verifica e monitoraggio

Il regolamento disegna un «sistema» con pluralità di attori, con responsabilità diverse e una governance che garantisca il maggior livello di uniformità possibile secondo il seguente processo: professionista, formazione, coerenza, valutazione, verifiche e monitoraggio.

Attenzione e disciplina viene assicurata alle regole per il finanziamento delle attività formative da parte di soggetti terzi, pubblici e privati, nella convinzione che la formazione, per rispondere alle esigenze di completezza, qualità ed efficacia, comporta costi che non debbono necessariamente ricadere sui soggetti beneficiari, ma che il finanziamento non debba incidere con ingerenze sulla didattica per garantirne l’indipendenza. Gli eventi formativi potranno essere organizzati da enti pubblici e privati, da parte del Cnf e dei consigli dell’Ordine, che entro il 31 gennaio di ogni anno renderanno noto il Piano dell’offerta formativa

Periodo di formazione e numero dei crediti

Il periodo di valutazione dell’obbligo formativo sarà di tre anni, nei quali occorrerà accumulare 60 crediti formativi (almeno 15 all’anno), di cui nove in ordinamento/previdenza/deontologia forense.

Il periodo decorre dal 1° gennaio successivo alla data di iscrizione all’albo o all’elenco di tirocinanti con patrocinio.

L’avvocato potrà essere esonerato in relazione ad alcune ipotesi di impedimento indicate dal regolamento e fintanto che tale impedimento perdura.

Il regolamento introduce l’Attestato di formazione continua, rilasciato dal Consiglio dell’Ordine su domanda dell’iscritto che provi l’avvenuto adempimento dell’obbligo formativo, e previa verifica della effettività dell’adempimento. Il possesso dell’attestato di formazione continua costituisce titolo per l’iscrizione e il mantenimento della stessa negli elenchi previsti da specifiche normative o convenzioni, o comunque indicati dai consigli dell’Ordine su richiesta di enti pubblici, per accettare la candidatura per la nomina di incarichi o di commissario di esame, nonché per ammettere tirocinanti alla frequenza del proprio studio. In ogni caso, il mancato adempimento dell’obbligo formativo costituisce illecito disciplinare.

Commissione centrale per l’accreditamento della formazione

È istituita presso il Cnf ed è formata da Antonio De Giorgi (coordinatore), Susanna Pisano, Nicola Bianchi, Rosa Capria, Angelo Esposito. Ha il compito di valutare e attestare la qualità degli eventi di formazione e aggiornamento che abbiano una rilevanza nazionale, siano seriali, prevedano modalità di formazione a distanza (Fad), che si svolgono all’estero. Il testo del regolamento, insieme con il facsimile della domanda di accreditamento degli eventi, è pubblicato sul sito istituzionale all’indirizzo http://www.consiglionazionaleforense.it/site/home/naviga-per-temi/diario-della-riforma-forense/regolamenti-cnf-ordinamento-forense.html

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa