Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fonsai, lo scatto di Unipol «Se c’è l’Opa faremo altro»

MILANO — La decisione della Consob sul quesito relativo all’esenzione dall’Opa, attesa per oggi, può slittare di una settimana. Lo ha detto ieri il presidente Giuseppe Vegas a margine dell’assemblea dell’Authority. Ma nell’attesa il numero uno di Unipol Carlo Cimbri è stato chiaro: «Se arriva una risposta positiva bene. Se no faremo altro. Cosa? Andremo al mare».
Oggi si riuniscono i consigli di Fonsai, Milano e Premafin sui concambi. «Siamo alla stretta finale, dobbiamo esserlo», ha sottolineato l’amministratore delegato di Fondiaria-Sai Emanuele Erbetta. E Jonella Ligresti, vicepresidente, ha detto che sul tavolo ci sarà anche la proposta di Palladio Sator: «Il consiglio deve valutarla e valuterà molte cose». Ieri il numero uno di Intesa Sanpaolo Enrico Cucchiani ha negato che la banca stia lavorando a fianco dei due investitori: «Assolutamente no».
Occhi puntati dunque sulla partita. Per quanto riguardo i concambi, dopo il rush di incontri nel weekend, il punto d’incontro dovrebbe essere vicino. Oggi i comitati degli indipendenti chiamati a seguire l’aggregazione esprimeranno le proprie valutazioni.
Riguardo invece alla risposta della Consob, dalle parole di Cimbri par di capire che il gruppo bolognese abbandonerebbe la partita nel caso l’Autorità disponesse obbligo di Opa anche solo sulla Milano, controllata per il 63% da Fonsai. Mentre è considerata scontata l’esenzione dall’Opa per «salvataggio» su Premafin e Fonsai, secondo indiscrezioni l’orientamento di un’offerta pubblica sulla Milano potrebbe farsi strada in commissione sulla base delle condizioni della compagnia e del regolamento secondo il quale l’Opa sulla controllata può scattare quando, secondo vari parametri, questa rappresenti l’asset «prevalente» della controllante. In Consob, che ha esentato la Milano sia quando ne ha deciso l’obbligo su Fonsai per Groupama nel marzo 2011, sia quando ha stabilito un anno fa l’esenzione, appunto da salvataggio, per Unicredit, si starebbe dunque ragionando su numeri e pesi.
Resta da vedere poi se quella di Cimbri resterà in ogni caso una decisione definitiva. E cosa potrà accadere in caso di ritirata di Unipol. Anche Sator e Palladio hanno posto la condizione di esenzione da Opa su Fonsai e Milano: quindi o si porrà una soluzione differente (dall’estero in passato l’interesse è stato limitato solo a «pezzi» del gruppo) oppure si può profilare per Fonsai la via del commissariamento.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa