Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fonsai, la scure di S&P: «Ricapitalizzare subito»

di Sergio Bocconi

MILANO — Si terrà il 27 gennaio il consiglio di Fonsai sulla definizione dell'aumento di capitale e sul piano industriale. Ieri il board della compagnia di Salvatore Ligresti si è riunito per concludere i lavori del vertice del 23 che ha deciso la ricapitalizzazione fino a 750 milioni.
E proprio in relazione ai conti e alla riduzione del margine di solvibilità al 90% che hanno reso indispensabile e urgente il nuovo rafforzamento patrimoniale, ieri Standard & Poor's ha ridotto i rating delle compagnie di Ligresti da BB+ a B, avvertendo altresì che il «voto» potrà essere cambiato nuovamente al rialzo o al ribasso secondo l'esito dell'aumento. L'agenzia Fitch ha invece confermato il giudizio ma con «creditwatch» negativo, che verrà «risolto» quando verrà completato l'annuncio sull'aumento.
Intanto ci sono nuovi sviluppi sulla misteriosa galassia azionaria di trust a Panama e Bahamas e di anstalt a Vaduz che possiede oltre il 20% della Premafin, la holding che ha il 35% (in pegno) di Fondiaria Sai. Grazie alle indagini della Consob favorite anche da collaborazioni internazionali ieri si è saputo che sono almeno dieci le società dietro a Ever Green security, il trust che con un fax da Panama City, datato 13 dicembre, si era manifestato su sollecitazione della authority come nuovo socio di Premafin con il 7,85%. Da una comunicazione alla Consob del 23 dicembre, si ricava inoltre che il trust «è regolato dalla legge delle Bahamas», al pari di The Heritage trust, l'altro socio occulto (con una quota del 12,15%) di Premafin, spuntato il 5 dicembre con una comunicazione del trustee monegasco Giancarlo De Filippo, considerato vicino alla famiglia Ligresti. I legami fra i due trust sono comunque evidenti anche considerando il fatto che coincidono i domicili a Vaduz di diverse anstalt. La misteriosa galassia è comunque oggetto di ulteriori indagini da parte della Consob, anche perché è necessario capire chi, come e perché si celi dietro agli schermi fiduciari offshore.
Nel corso del consiglio di Fonsai (che ieri in Borsa ha perso il 2,85%) si è anche parlato del «carteggio» con l'Isvap, l'authority sulle assicurazioni. «All'Isvap abbiamo risposto inviando le delibere assunte dal consiglio del 23 dicembre», ha detto il direttore generale di Fonsai Piergiorgio Peluso interpellato in proposito al termine del consiglio. L'organo di vigilanza guidato da Giancarlo Giannini ha inviato una lettera il 24 novembre a Fonsai sollecitando il ripristino degli indici patrimoniali e la fine dei doppi incarichi nei vari consigli delle società del gruppo, a partire da Premafin e Fonsai fino alle controllate in particolare immobiliari. Dopo le risposte fatte pervenire nei giorni scorsi, ieri sarebbe stata esaminata l'ultima, relativa appunto alle operazioni intercorse fra le società del gruppo e i Ligresti.
In vista dell'aumento di capitale, che potrebbe partire tra fine febbraio e inizio marzo, Mediobanca organizzerà il consorzio di garanzia. Non è escluso che con l'operazione entrino nuovi soci industriali o finanziari. «La compagnia piace. Gli advisor sono al lavoro, c'è interesse da diverse parti», ha detto Paolo Ligresti. L'advisor di Premafin, la Banca Leonardo di Gerardo Braggiotti, si incontrerà probabilmente fra il 9 e 10 gennaio con le banche creditrici della holding indebitata per circa 300 milioni. Anche in questo caso è possibile venga cercato almeno un partner, visto che i Ligresti al momento non sembrano disporre delle risorse per permettere a Premafin di sottoscrivere la propria quota parte del capitale, con il rischio quindi di una diluizione fino al 10%. Premafin, che ieri ha ceduto in Borsa un altro 8,62% a 0,10 euro, ha intanto perfezionato la vendita dell'iniziativa immobiliare Porta Nuova Varesine al gruppo Hines, incassando 18 milioni come prima tranche sul prezzo di 25,7. La conclusione dell'operazione avverrà entro il 31 gennaio.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa