Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fonsai, azione di responsabilità contro i Ligresti

Il redde rationem per i Ligresti e per gli amministratori che li hanno aiutati nell’impresa di spolpare metodicamente le società di cui erano azionisti di riferimento è fissato per il 13 marzo (il 14 in seconda convocazione). Per quella data infatti i cda di Fonsai e Milano hanno fissato le assemblee chiamate a votare l’azione di responsabilità, come richiesto dal commissario ad acta Matteo Caratozzolo.
Con una relazione di oltre 50 pagine, il professionista ha di fatto confermato le accuse a suo tempo avanzate dal fondo Amber e proposto l’azione di responsabilità (che verrà rimessa al voto dell’assemblea) nei confronti di tutti i membri della famiglia Ligresti, ma anche dello storico amministratore delegato del gruppo, Fausto Marchionni, e di alcuni consiglieri tra cui Vincenzo La Russa, Cosimo Rucellai, Salvatore Rubino, Umberto Bocchino e Antonio Talarico, nonché di quattro componenti del collegio sindacale per Fonsai (e di altrettanti per la Milano assicurazioni).
Le conclusioni cui arriva Caratozzolo sono pesantissime: «l’importo complessivo dei danni causati » dai Ligresti «è ingentissimo, dell’ordine di centinaia di milioni di euro», scrive nella sua relazione. Le tre grandi aree di criticità sono quelle note: Atahotels; ulteriori operazioni nel settore immobiliare;
compensi corrisposti ai componenti della famiglia Ligresti o a società alla stessa riconducibili. Il commissario ricorda che «la famiglia Ligresti e le controparti correlate hanno rappresentato per almeno 8 anni l’unico interlocutore del gruppo Fonsai nel settore degli investimenti immobiliari ». Operazioni in cui si registrava sistematicamente un «anomalo squilibrio a vantaggio delle controparti e a danno del gruppo Fonsai» che, per quanto riguarda le partite immobiliari, «risultava etero-diretto dalla famiglia Ligresti».
Dunque, operazioni in cui la famiglia guadagnava e le società assicurative perdevano ma per le quali Salvatore Ligresti percepiva «abnormi compensi allo scopo di far comprare al gruppo esclusivamente immobili di proprietà delle controparti correlate»: oltre 40 milioni di consulenze per don Salvatore. Ma il presidente onorario non è l’unico a percepire ingenti compensi dal gruppo: nel caso di Jonella, Caratozzolo scrive che «ha ingiustificatamente
beneficiato per alcuni anni di abnormi emolumenti, a danno di Fondiaria Sai medesima»; per non parlare delle sponsorizzazioni a Laità (la srl che possedeva tra gli altri il cavallo Toulon): 4,76 milioni, dal 2003 al 2010.
Emolumenti e compensi «di cui è emersa per larga misura l’inutilità, oltre che la sproporzione » sponsorizzazioni che hanno rappresentato «una ulteriore modalità di ingiustificato drenaggio» sempre a favore dei Ligresti e operazioni immobiliari possibili grazie ad «amministratori conniventi ». Ora la parola passa ai soci, cioè
per il 42% ad Unipol. In base agli accordi sulla manleva del giugno scorso, la compagnia bolognese non potrà votare l’azione di responsabilità contro i consiglieri e i sindaci del periodo 2007-2011 che non siano stati anche soci di Premafin fino a gennaio 2012. Il vincolo non vale per i Ligresti.
Sul versante sindacale, invece, è partita la trattativa con Unipol su esuberi e riorganizzazione post fusione con Fonsai. In una nota i sindacati denunciano «inaccettabili ricadute sulla vita di migliaia di famiglie».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa