Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fondi Ue, l’Italia arranca

Italia in ritardo nella programmazione della spesa dei fondi comunitari. E non di poco. La percentuale media degli impegni di spesa è pari a poco più del 54%, i pagamenti sono al di sotto del 27%. Stiamo parlando della programmazione 2014/2020; quella prossima alla chiusura formale, ma che può beneficiare di un ulteriore biennio per le erogazioni effettive dei fondi, che devono comunque essere impegnati entro la fine di quest’anno. Viste le performance, il rischio, rileva la Corte dei conti è «di non riuscire ad assumere tutti gli impegni entro la fine del 2020, ultimo termine utile per bloccare, dopo aver selezionato i progetti, tutti i fondi disponibili per il nostro Paese». Un pericolo a cui le pubbliche amministrazioni del paese si sono abituate, arrivando a chiudere le programmazioni sempre sul filo di lana. Qualche volta, sono anche in revoche dei finanziamenti non assegnati.

Il dato su impegni e spese dei fondi Ue emerge dalla «Relazione annuale 2019-I rapporti finanziari con l’Unione europea e l’utilizzazione dei fondi comunitari», relativa al 2018, approvata dalla Sezione di controllo per gli Affari Comunitari e Internazionali della magistratura contabile con delibera n. 16/2019. Il monitoraggio analizza i flussi finanziari in entrata e in uscita e le tipologie di risorse che hanno alimentato il bilancio europeo, valuta l’utilizzo dei fondi destinati alla Politica di coesione e alla Politica agricola comune, infine analizzare i Programmi operativi regionali e nazionali.

L’ammontare delle procedure attivate, nell’ambito dei Programmi Fesr e Fse 2014/20 (con esclusione dei programmi Cte), al 30 giugno 2019, è di 45,64 mld, pari all’83,78% delle risorse totali programmate. Con riferimento ai Pon, l’ammontare delle procedure attivate al 30 giugno 2019 è di 13,53 mld, pari al 76,14% delle risorse programmate, tutte in incremento rispetto al 2018. «Perché i programmi vengano realizzati», ha avvertito la magistratura contabile, «è necessario che all’attivazione seguano le fasi dell’impegno e del pagamento».

L’analisi dei flussi finanziari intercorsi tra Italia e l’Ue, nel 2018, ha confermato la tradizionale posizione di contributore netto: nel 2018 l’Italia ha versato all’Unione, a titolo di risorse proprie, la complessiva somma di 17 mld di euro (+23,1% rispetto all’anno precedente), mentre l’Unione ha accreditato complessivamente al nostro Paese nel 2018 la somma di 10,1 mld. Il saldo negativo si rispetto al passato quindi aumenta sensibilmente e ciò accade nonostante si registri un aumento sensibile degli accrediti (+6,5%) rispetto al precedente esercizio, in cui l’importo delle assegnazioni era pari a 9,5 mld in termini assoluti.

Frodi. I giudici contabili hanno poi dedicato attenzione all’efficacia dei controlli in tema di frodi e irregolarità. Secondo i dati prodotti dalla Commissione Ue, l’Italia si colloca in nona posizione per di irregolarità segnalate (104 segnalazioni; erano 145 nel 2017) e in settima posizione per importi comunicati, con circa 9,8 mln di euro di irregolarità totali registrate a sistema, che rappresentano lo 0,43% del totale delle risorse proprie tradizionali versate al bilancio Ue (in miglioramento rispetto al 2017, anno in cui lo stesso indice era pari allo 0,57%). Tra le aree più significative in termini di irregolarità e frodi, il settore appalti, con prevalenza di fenomeni di violazione della normativa. Infine, nonostante le misure adottate per contrastarne l’evasione, il gap dell’Iva (che dà la misura dell’imposta perduta per evasione ed elusione) per l’Italia è ancora molto elevato (33,6 miliardi in valore assoluto), benché in diminuzione (dal 26,6% al 23,8% del gettito potenziale), a fronte di una media Ue attestata comunque su valori molto più contenuti (11%).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa