Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fondi Ue, 1,2 mld al Sud

L’Italia è il primo paese a concretizzare l’Iniziativa Pmi dell’Ue, con l’impiego di 200 milioni per una mobilitazione attesa di risorse da 1 miliardo e 200 milioni in nuovi prestiti a tassi favorevoli per le piccole e medie imprese di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. La leva finanziaria della iniziativa Pmi, strumento previsto dalla nuova regolamentazione sui Fondi strutturali e di investimento europei, si basa sulla tecnica della cartolarizzazione di crediti esistenti e grazie all’intervento della banca europea degli investimenti (Bei) e del fondo europeo per gli investimenti (Fei).

Le risorse sono nazionali, 100 milioni vengono dai fondi strutturali e 102,5 milioni sono stati stanziati dal governo. «Invece che essere destinati al finanziamento diretto» si legge in una nota esplicativa della Bei, i 202,5 milioni di risorse nazionali agiscono da catalizzatore per fondi Bei e Fei» con lo stato che «assume il rischio delle prime perdite di un portafoglio esistente, permettendo cosi l’intervento del gruppo Bei per oltre 1 miliardo. Con un effetto leva positivo per l’economia italiana e un uso efficace delle risorse comunitarie». «È una cifra importante», ha detto il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, «che avrà effetti positivi su migliaia di Pmi del Sud e per le persone che vi lavorano». «Crediamo nel successo dell’Iniziativa Pmi, un’iniziativa coerente con il Piano Juncker, che utilizza l’effetto leva dei Fondi strutturali e di investimento europei erogati mediante strumenti finanziari innovativi per attivare credito verso le Pmi italiane», ha sottolineato il vicepresidente Bei e presidente Fei Dario Scannapieco. Il commissario europeo per le politiche regionali ha auspicato « che altri paesi aderiscano a questa iniziativa innovativa». Spetterà al Fei, nei prossimi giorni, selezionare gli intermediari finanziari ammissibili (banche, istituti di garanzia, società di leasing). L’amministratore delegato del Fei Pier Luigi Gilibert ha dichiarato:« l’Italia è il primo stato membro ad aver aderito allo strumento di cartolarizzazione dell’Iniziativa Pmi e ci attendiamo che questo dispositivo possa riscuotere interesse nel mondo degli operatori del credito e delle imprese».

Angelo Di Mambro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa