Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fondi pensione, versamenti sospesi per 1,2 milioni

È stato un anno bifronte il 2012 della previdenza complementare. Da una parte sono salite a 1,2 milioni le persone che hanno sospeso i versamenti ai fondi pensione «privati» — complice la crisi —, 100 mila in più rispetto al 2011 e 500 mila in più negli ultimi cinque anni. Dall’altra, il rendimento dei fondi integrativi è stato largamente superiore a quello del Tfr con tassi tra l’8% e il 9%. Sono i numeri della relazione annuale della Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione.

La relazione racconta un mondo che — nelle intenzioni di molti — dovrà sostituire in parte le tradizionali pensioni pubbliche, alle prese con l’invecchiamento della popolazione e gli effetti della crisi sui contributi versati da aziende e lavoratori.

Le duecento e passa pagine della Covip non parlano naturalmente solo di iscritti e rendimenti, ma fanno anche un confronto tra Italia e resto del mondo. E qui si scopre la passione per l’estero di molti fondi pensione italiani. Il loro valore complessivo, a fine 2012, era di 76,4 miliardi di euro, di cui una gran parte investiti oltre confine.

Qualche esempio? I fondi hanno impiegati 11 miliardi in azioni, di cui 660 milioni (lo 0,9% del totale generale) in Italia: il resto ha valicato le Alpi. La situazione è simile sul versante degli altri (rispetto alle obbligazioni di Stato) titoli di debito, quindi soprattutto i bond societari: 8,1 miliardi investiti, di cui 1,7 in Italia e il resto all’estero. Sui titoli di Stato, invece, la previdenza integrativa ha puntato soprattutto su Btp e simili: 21,3 miliardi su un totale di 38,7 (che a sua volta vale la metà di tutti gli investimenti).

C’è poi un altro confronto che non è sfuggito agli occhi di qualche esperto del settore. Quei 660 milioni impiegati in azioni italiane si riferiscono — si legge nella relazione — a società «quasi integralmente quotate». Presumibilmente, sono tutte di certe dimensioni. Sembrano quindi al momento poche le risorse che — dalle tasche dei lavoratori italiani e delle loro future pensioni — sono indirizzate alle piccole e medie imprese, componente determinante dell’economia nazionale e del suo futuro. D’altronde, sul mercato non sono particolarmente diffusi gli strumenti finanziari focalizzati sulle Pmi. Insomma, ci sarebbe spazio per sviluppare un anello di raccordo tra chi ha i soldi (i fondi) e chi ne ha tanto bisogno (le aziende sotto una certa soglia dimensionale). «Non interessa forse ai nostri pensionati di oggi avere — oltre alla pensione integrativa — anche lavoro per le nuove generazioni?», si chiede Andrea Crovetto, direttore generale di Banca Finnat. «Se uno guarda solo al benchmark globale e al rendimento della finanza — sostiene Crovetto —, che se ne fa poi di figli e nipoti disoccupati?».

Tornando alla fotografia scattata dalla Covip nel 2012, gli iscritti ai fondi di previdenza integrativa erano 5,8 milioni con un aumento del 5,3% sul 2011. Sono invece calati (-1,2%) i soli iscritti ai fondi negoziali (quelli contrattuali).

Il tasso di adesione complessivo dei lavoratori dipendenti pubblici e privati e di quelli autonomi è del 25,5%, un quarto del totale degli occupati (la quota scende al 20,2% se si guarda solo a chi alimenta regolarmente la propria posizione). Sono 442 mila le nuove adesioni, a cui però hanno fatto da contraltare 150 mila usciti dal sistema, soprattutto per riscatti e prestazioni pensionistiche, e naturalmente le sospensioni record dei versamenti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa