Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fondi e banche, Milano incassa l’addio alla City «Arrivano 1.500 persone»

Sono circa 1.500 i banker che hanno lasciato o stanno per lasciare Londra alla volta di Milano in seguito alla Brexit, interi team in particolare delle banche americane, da Goldman Sachs a JpMorgan, da Citi a Morgan Stanley. «Ma non è finita qui: ora c’è da intercettare la fase due», dice Fabrizio Pagani, capo della segreteria tecnica del ministero dell’Economia. Pagani è stato tra i protagonisti del convegno a Londra organizzato dallo studio legale Legance presso l’ambasciata italiana per presentare le ritrovate opportunità dell’Italia e la sua attrattività per i capitali esteri, ora che la crescita si consolida.

Il bilancio dei traslochi post Brexit è tracciato da Pagani insieme con Arabella Caporello, direttore generale del Comune di Milano, che ha organizzato nella capitale britannica un roadshow per illustrare le potenzialità che il capoluogo lombardo offre a chi decide di trasferirsi, oltre all’incentivo della flat tax sui beni all’estero e allo sconto fiscale del 50% per cinque anni sui redditi prodotti in Italia. Anche la manager pubblica guarda alla fase due di Brexit: «Ci sarà un tema di ricollocazione di parti importanti delle banche come il back office o l’It e per le caratteristiche del Paese questa battaglia ce la giochiamo». Se non è stato possibile attirare i quartier generali dei colossi Usa in Italia per ragioni di rating nazionale, e con l’Ema con scarse possibilità di recupero, Milano come financial hub punta soprattutto a conquistare fisicamente le attività di asset management, di private equity, e il fintech. Qualcosa si muove, confermano da uno dei maggiori studi legali con sede a Milano: «Ogni giorno almeno in tre ci comunicano che stanno trasferendosi o pensano di farlo, soprattutto tra gente dei fondi d’investimento». È anche una grande operazione di marketing, chiamata «Move to Milano»: entro il 2018 dovrebbe entrare in funzione a Milano un’agenzia unica di orientamento ed educazione per gli espatriati in città, un altro passo per colmare il divario con le altre città internazionali.
Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa