Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fondazione Carige: rinviare l’aumento

Stoppare di fatto (prorogandolo) l’esercizio di delega del cda di Banca Carige per portare a compimento l’aumento di capitale fino a 800 milioni, che oggi è fissato al 31 marzo; oppure dare il via libera, entro la fine del prossimo mese, alla ricapitalizzazione, facendone però slittare l’esecuzione a giugno.
Sono le due opzioni che il cda di Fondazione Carige ha inserito nell’ordine del giorno della delibera (approvata all’unanimità) con cui, dietro indicazione del consiglio di indirizzo (che ha approvato a maggioranza), richiede «la convocazione urgente dell’assemblea straordinaria» della banca, di cui controlla il 46,5%.
Alla fine, il confronto tra l’istituto di credito genovese e il suo ente di riferimento a corto di liquidità (e perciò al momento non in grado di sottoscrivere un eventuale aumento di capitale), è giunto alla sfida finale. E nonostante alcuni consiglieri della Fondazione abbiano voluto sottolineare che la richiesta «è finalizzata a concordare un percorso tra banca e fondazione in un’ ottica di condivisione e non di conflittualità» e dicano di non voler «dare l’impressione che ci sia uno scontro tra noi», sottolineando la necessità «di far rispettare le nostre esigenze ma senza entrare in conflitto», lo scontro c’è.
Anche perché la banca, che era parzialmente al corrente di quanto si è discusso ieri pomeriggio, per lunghe ore, nelle riunioni del cdi e del cda, si aspettava che la proposta del presidente della Fondazione, Paolo Momigliano, poi approvata, contenesse solo una voce all’ordine del giorno. Quella relativa alla «eventuale assunzione della deliberazione entro il 31 marzo 2014 con esecuzione dell’aumento al mese di giugno 2014». Non anche (e per prima nell’odg) l’opzione di una «eventuale proroga del termine stabilito per l’esercizio della delega», conferita al cda dall’assemblea del 29 aprile 2013. Il documento approvato dalla Fondazione mette anche in chiaro che l’advisor dell’ente (Banca Imi) «ha presentato un memo circa l’opportunità e la convenienza, sia per la banca sia per la fondazione, di un differimento temporale per l’esecuzione del deliberando aumento di capitale sociale». E che i «consulenti giuridici» ritengono che «un’esecuzione differita dell’aumento di capitale» non rappresenterebbe «a quanto allo stato consta, una violazione delle prescrizioni dell’organo di vigilanza».
Ora, però, la palla passa, oltre che alla banca, proprio alle autorità di vigilanza (Bankitalia per Carige e Mef per la Fondazione). Via Nazionale, da parte sua, vedrà già oggi, a Roma, i vertici di Banca Carige, ossia il presidente, Cesare Castelbarco, e l’ad, Pier Luigi Montani. La notizia è emersa ieri mentre cda e cdi della fondazione erano in corso. A quanto risulta, la convocazione avrebbe carattere ordinario e non sarebbe inerente al braccio di ferro tra l’istituto e l’ente azionista. Sembra difficile, però, che, alla luce degli avvenimenti di ieri, l’argomento non sia trattato.
Ieri, peraltro, anche i sindacati hanno preso posizione sulla vicenda. Dircredito, Fabi, Falcri, Fisac-Cgil, Fiba-Cisl e Uilca rilevano che «un aumento di capitale di 800 milioni per una banca che, ad oggi, ha una capitalizzazione di borsa di poco superiore agli 850 milioni, assomiglia molto, nei fatti, a un formale annuncio di messa in vendita della capogruppo».
Le organizzazioni sottolineano, poi, che, con una simile ricapitalizzazione «la fondazione sarebbe destinata a rimanere con quote di capitale quasi insignificanti e cesserebbe di essere il socio di riferimento, con ovvie conseguenze negative sul rapporto con i territori». Dicono, inoltre, che il comunicato con cui Carige ha annunciato l’avvio dell’aumento sembra prevedere «il rinvio o la rinuncia alla cessione di asset non strategici annunciati lo scorso aprile». Ancora, il sindacato denuncia che «continuerebbero ad essere in fase avanzata di studio iniziative come la chiusura/vendita di sportelli o come l’attivazione di un fondo esuberi, che comporterebbero sensibili perdite di posti di lavoro e metterebbero a rischio l’integrità del gruppo». In tutto questo, il titolo Carige ieri è salito dell’1,15% arrivando a quota 0,413.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa