Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fmi: bene Renzi sulle riforme

Le misure di politica economica annunciate dal nuovo Governo guidato da Matteo Renzi incassano la fiducia anche del Fondo monetario internazionale. Ieri a dare il benvenuto alle nuove iniziative illustrate in Parlamento dal premier è stato il portavoce dell’istituto washingtoniano guidato da Christine Lagarde, il direttore della comunicazione Gerry Rice. «Alcune delle riforme strutturali» che entreranno nell’agenda dell’esecutivo, ha osservato Rice, si inseriscono nel quadro di interventi di policy discussi e proposti a più riprese dal Fmi negli ultimi anni, prima e durante la crisi. A Washington ora si aspettano i dettagli, guardando alla prima occasione utile per un approfondimento sui vari dossier che potrebbe coincidere con lo Spring meeting già in calendario per metà aprile. Un appuntamento cui parteciperà il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ex membro dell’executive board del Fondo: «Qui da noi era molto rispettato» ha detto Rice. 
Allo Spring meeting il nuovo governo potrebbe già presentarsi con il Documento di economia e finanza (Def) e il Programma nazionale di riforme in tasca, vale a dire i due documenti chiave di finanza pubblica, con le nuove stime macroeconomiche e le indicazioni precise degli interventi di policy. Un lavoro che conterrà anche il capitolo cruciale dedicato alle misure di spending review che nel prossimo triennio dovranno garantire buona parte delle coperture, interventi curati da un altro ex dirigente del Fondo, il commissario Carlo Cottarelli, che a Washington guidava il Dipartimento affari fiscali.
Ieri Rice ha spiegato che per l’Italia «l’attuazione delle riforme resta la chiave per il ritorno alla sostenibilità e alla crescita». Un suggerimento, nemmeno troppo indiretto, al nuovo Governo a concentrare l’attenzione non tanto sulla legislazione ma, appunto, sull’implementazione delle tante misure varate negli ultimi anni, che già avevano a loro tempo incassato il consenso del Fmi, che non sono in contrasto con le nuove linee di policy annunciate ma che, purtroppo, non sono mai state attuate. Il lascito complessivo dei governi Monti e Letta all’esecutivo guidato da Matteo Renzi conta 513 decreti attuativi ancora da adottare per rendere pienamente efficaci le riforme per il rilancio dell’economia varate negli ultimi due anni (si veda altro articolo a pagina 2).
Rispondendo alle domande dei cronisti il direttore della comunicazione del Fondo ha fatto solo una considerazione sulle condizioni macro della Penisola parlando dell’alta disoccupazione: «È ovviamente un problema pressante» e «le riforme del mercato del lavoro sono la chiave di volta, soprattutto la flessibilità nei contratti». Considerazioni che confermano la prospettiva di policy più sostenuta dal Fondo e che guarda al lato dell’offerta per tentare un recupero della produttività dei fattori oltreché dell’occupazione complessiva.
Gli ultimi dati sul mercato del lavoro italiano sono contenuti nelle previsioni d’inverno della Commissione europea, secondo cui la crescita in Italia quest’anno sarà appena dello 0,6% (rispetto allo 0,7% stimato in novembre). Il tasso di disoccupazione è previsto a quota 12,6% quest’anno e 12,4% l’anno prossimo. Identica la stima del Fmi: l’Italia tornerà a crescere quest’anno dello 0,6% per poi accelerare nel 2015 al +1,1%. La ripresa arriva in un contesto europeo in recupero: l’area euro sta voltando pagina. «La ripresa di Eurolandia è reale ma debole e servono ulteriori azioni per rafforzare la crescita e la creazione di lavoro» ha commentato Reza Moghadam, numero uno del Dipartimento europeo del Fmi.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa