Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Fisco, sostegno alle famiglie e taglio del cuneo nella riforma»

Mentre a Bruxelles il presidente del Parlamento europeo David Sassoli faceva il punto sulla posizione della sua istituzione nel negoziato sul bilancio dell’Ue 2021-2027, a cui è legato Next Generation Eu, davanti ai capi di Stato e di governo dell’Unione riuniti per un Consiglio europeo straordinario (dedicato alla politica estera), il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri spiegava alle commissioni Bilancio e Politiche Ue del Senato il Piano di ripresa e resilienza nazionale.

Sassoli ha tolto dal tavolo l’accusa che il Parlamento Ue stia rallentando il negoziato: «Se si vuole in cinque minuti si chiude, basta avere la volontà politica per farlo». La trattativa che deve portare all’accordo sul prossimo bilancio Ue «è un confronto tra il Parlamento e il Consiglio, non posso risolvere i problemi del Consiglio». Gli Stati membri sono spaccati sul legame tra accesso ai fondi Ue e il rispetto dello Stato di diritto. Ungheria e Polonia vogliono slegare le due cose. Il premier ungherese Victor Orbán, entrando al Consiglio, ha proposto di far procedere il Recovery fund con accordi bilaterali «fuori dal quadro Ue» e di continuare a discutere del bilancio Ue e della condizionalità. I quattro Paesi cosiddetti «frugali» (Olanda, Austria, Danimarca e Svezia) con la Finlandia chiedono più rigore ma di fatto stanno sfruttando la situazione per allungare i tempi del negoziato. A marzo in Olanda ci sono le elezioni e il premier Mark Rutte ha tutto l’interesse a prendere tempo.

Per l’Italia, invece, è fondamentale «lavorare speditamente» all’accordo, come ha spiegato il premier Giuseppe Conte in un videomessaggio all’ambasciata tedesca: «Tutti gli Stati membri devono lavorare con coerenza e lealtà». Se i fondi non saranno a disposizione nel primo semestre 2021 come previsto inizialmente, il rischio è dover ricorrere a quelli del Mes. I nodi da sciogliere con il Parlamento Ue riguardano il rispetto dello Stato di diritto e le nuove risorse proprie con cui finanziare il Recovery fund, il rafforzamento di alcuni programmi europei.

Il debito

Il debito scenderà sotto il 130%, ai livelli pre-Covid, alla fine del decennio

Il ministro Gualtieri ha ricordato nella sua audizione che «con i fondi del Recovery plan il trend di crescita, quindi permanente, strutturale del Pil, aumenterà fra 0,2 e 0,5 punti percentuali all’anno a seconda dell’efficienza ipotizzata della relativa spesa aggiuntiva». Quanto al debito pubblico, quest’anno sarà pari al 158%, si ridurrà dall’anno prossimo e si arriverà con «un sentiero graduale ai livelli pre-Covid sotto il 130% alla fine del decennio». Gualtieri ha sottolineato che ci saranno «due manovre espansive» poi il ritorno del deficit sotto il 3% dal 2023. Il piano del governo interverrà sulla Pubblica amministrazione, nel campo della ricerca e sul fisco: taglio del cuneo fiscale sul lavoro, revisione complessiva della tassazione, lotta all’evasione e revisione del sistema degli incentivi ambientali e per il sostegno delle famiglie.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google entra nel mirino dell’Autorità antitrust italiana che, prima in Europa, ieri ha aperto un ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le imprese e i committenti non saranno lasciati soli. Anche a chiarire la posizione di alcuni player...

Oggi sulla stampa