Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Fisco semplice? Ho perso un pomeriggio per l’Imu»

Basta scandalismi e attacchi contro l’Agenzia delle entrate: «Bisogna creare un clima di legalità» perché «le frodi hanno raggiunto una diffusione incredibile». Nella sua prima uscita pubblica il neodirettore Rossella Orlandi difende i suoi 41 mila colleghi, sottolineando a margine di una audizione in Senato che «sanatorie, scudi e condoni sono pane quotidiano» perché «siamo abituati a fare peccato e poi ad avere l’assoluzione», fa notare, ricordando «la matrice cattolica dell’Italia». Del resto, prosegue il ragionamento, «se io evado e sono convinto che le sanzioni non arriveranno, difficilmente mi abituerò a rispettare le regole». 
Nei prossimi mesi «cercheremo di imprimere un cambio di passo, agendo su due piani», spiega il direttore: da un lato «il percorso di dialogo, confronto e semplificazione» fiscale con i cittadini e, dall’altro, il «contrasto dell’evasione che ha dimensioni preoccupanti». Chi non paga le tasse determina «tre effetti negativi — precisa —: inquina il mercato, facendo fuori le aziende sane, impedisce una distribuzione equa delle risorse, perché la tassazione pesa sulla parte onesta, ed è strettamente connessa alla corruzione, perché senza fondi neri, che si creano con l’evasione, la corruzione non sarebbe possibile». Orlandi ribadisce anche che contro le frodi «bisogna agire in modo innovativo, ragionando per priorità» perché saltano fuori «fatture false ovunque». E che la semplificazione sia uno degli aspetti fondamentali sui quali incidere «per cambiare il rapporto tra fisco e cittadini», lo dimostra lo stesso direttore dell’Agenzia, che racconta i problemi incontrati per pagare l’Imu sulla sua abitazione: «Io, che sono una esperta di fisco, ho perso un pomeriggio per capire che cosa dovevo fare…».
Per condurre in porto la sperimentazione del nuovo 730, Orlandi raccomanda a «tutti gli attori del sistema di rispettare i termini e le norme: se qualcuno cambia le regole il 29 dicembre, come spesso succede, la precompilata non la facciamo». Il nuovo modello «sarà possibile se ognuno rispetta la tempistica che gli compete, altrimenti fallisce subito — osserva —. Ciascuno deve prendersi le proprie responsabilità». In una tabella, consegnata in audizione, si stima che l’anno prossimo circa 6 milioni di contribuenti (il 30%) riceveranno dall’Agenzia i 730 precompilati e non avranno bisogno di integrazioni. Il restante 70% (circa 14 milioni) potrebbe invece intervenire sul documento, ad esempio per portare in detrazione le spese mediche, escluse nel primo anno di sperimentazione. L’obiettivo è di arrivare al 100% di dichiarazioni complete nel 2017: sarebbe «una rivoluzione copernicana — taglia corto Orlandi —. Su questo progetto mi gioco la testa».
La semplificazione non basta però a Confcommercio, che ieri ha diffuso uno studio in base al quale l’Italia è leader per la pressione fiscale tra i Paesi Ocse, raggiungendo il 53,2% sul Pil: numeri al netto del sommerso. Per questo il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, chiede «meno tasse e spesa pubblica e più riforme e lavoro per favorire la crescita». E dopo Bankitalia e il Fmi (Fondo monetario internazionale), anche l’associazione di categoria dei commercianti abbassa le stime sul Pil del Belpaese a +0,3% quest’anno, contro il +0,5% previsto a settembre. Se Sangalli paventa «una manovra a ottobre per sistemare i conti» se non ci sarà crescita, il viceministro dell’Economia, Enrico Morando, replica: «Non c’è bisogno di una manovra correttiva nel 2014. Resta comunque cruciale il nodo della revisione della spesa pubblica».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa