Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fisco degli altri

È scontro aperto tra Google il governo di Parigi. Il colosso americano ha fatto sapere di essere pronto a bloccare i link ai siti dei media francesi nel caso in cui il governo transalpino dovesse implementare la proposta di legge di una tassa sui motori di ricerca, voluta dagli editori nazionali e sostenuta dal ministro della Cultura, Aurelie Filippetti. In una lettera inviata all’esecutivo parigino, Google afferma infatti di non poter accettare una misura del genere che mette in dubbio la sua stessa esistenza e che, come conseguenza, «costringerà a non dare più riferimenti verso i siti francesi».

Ex manager di Credit Suisse e Ubs alla sbarra a Fort Lauderdale, in Florida, per complicità in frode fiscale e associazione a delinquere. L’uomo è sospettato di aver aiutato circa 150 clienti americani, fra il 1999 e il 2005, quando ancora lavorava per Ubs, a nascondere al fisco americano 500 milioni di dollari circa. Responsabile della divisione del Credit Suisse per la clientela della Costa Ovest degli Usa dal 2009, il manager di origine greca ma residente in Svizzera, era stato arrestato il 26 gennaio del 2011 e posto agli arresti domiciliari senza un’accusa formale. L’imputato, che si è dichiarato non colpevole, starebbe trattando con le autorità statunitensi le condizioni di un’ammissione di colpevolezza.

Creare nuovi fondi dell’Unione europea per progetti speciali finanziati dal denaro raccolto attraverso una tassa sulle transazioni finanziarie. È la proposta del cancelliere tedesco Angela Merkel rivelata di fronte al parlamento prima del vertice dei 27 leader europei a Bruxelles. Secondo la Merkel l’utilizzo dei fondi così strutturato si tradurrebbe in un aumento della concorrenza a livello comunitario.

Barack Obama pronto a porre il veto a qualsiasi iniziativa per evitare il «fiscal cliff» se i repubblicani non accetteranno un aumento delle tasse per i più ricchi. La rivelazione, anticipata dal quotidiano d’Oltreoceano, Washington Post, citando fonti vicine all’amministrazione, prevede infatti che l’attuale presidente degli Stati Uniti sia pronto a giocare duro con i repubblicani che si sono opposti a un aumento delle imposte per i ricchi nell’ambito dell’accordo per l’aumento del tetto del debito. I tagli automatici alla spesa e l’aumento delle imposte per tutti scatteranno fra la fine dell’anno e l’inizio del 2013 senza un accordo in Congresso. Nel caso in cui dovesse aggiudicarsi un secondo mandato alla casa Bianca, Barack Obama sarebbe più libero di agire e muoversi senza logiche politiche stringenti, visto che una sua eventuale riconferma alla presidenza sarebbe per lui anche l’ultima.

Gli spalloni si affidano anche agli animali per trafugare i fondi neri. I doganieri tedeschi del valico di Bietingen hanno bloccato una coppia del Benelux mentre cercava di contrabbandare 110 mila euro dalla Svizzera alla Germania, nascondendo la somma di denaro sotto un tappetino, posto sul sedile posteriore della loro auto, sul quale si era adagiato il proprio cane. Gli agenti, insospettiti, hanno fatto scendere i due occupanti e dopo averli interrogati hanno scoperto il malloppo. I due, hanno fatto sapere le autorità doganali di Singen, dovranno versare una multa equivalente a 25 mila euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa