Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Finmeccanica, Orsi interrogato 9 ore In India commissione d’inchiesta

MILANO — Finmeccanica rischia di pagare molto cara l’inchiesta per la presunta tangente da 51 milioni che avrebbe accompagnato la vendita di 12 elicotteri Agusta Westland al governo indiano. Perché il governo di New Delhi minaccia non solo di bloccare l’appalto da 560 milioni ma anche di chiedere un risarcimento all’azienda italiana al termine di lavori della commissione di inchiesta nominata proprio ieri dal Parlamento. Tutto questo nel giorno in cui l’ex amministratore delegato del gruppo Giuseppe Orsi, accusato di corruzione internazionale, è stato interrogato per nove ore dal pubblico ministero Eugenio Fusco. «Ha chiarito tutto e non si è parlato di tangenti alla Lega Nord», ha commentato il legale del manager.
Ma andiamo con ordine nel raccontare l’ennesima giornata difficile per il gruppo controllato dal Tesoro. A Busto Arsizio, dove è detenuto, Orsi ha risposto alle domande del magistrato. Secondo l’avvocato Ennio Amodio che lo difende, il dirigente avrebbe chiarito la sua posizione: «Non ci sono state interferenze e la gara si sarebbe svolta senza interferenze », ha detto il legale al termine dell’interrogatorio. Il quale ha smontato anche la pista delle tangenti ai partito, in particolare alla Lega Nord, dallo stesso Orsi indicato, in una intercettazione telefonica, come il partito che è
stato sponsor della sua nomina ai vertici di Finmeccanica. «Nell’interrogatorio non c’è stato nessun riferimento alla lega», ha detto ancora Amodio per il quale il fatto andrebbe archiviato perché «privo di riscontri». Ma in nove ore di qualcosa si sarà ben parlato? «E’ stato un colloquio sereno e lungo perché sono stati fatti numerosi approfondimenti».
Uno di questi avrebbe riguardato il ruolo dell’intermediario svizzero Guido Haschke, accusato di essere il mediatore della tangente con l’India: «I lavori affidatigli dalla società non avevano nulla a che fare con la gara indiana ma erano finalizzate a un servizio di ingegneria».
Ma Finmeccanica deve guardarsi soprattutto da quanto sta accadendo in India, dove l’acquisto dei 12 elicotteri Agusta e il presunto pagamento di tangenti sta provocando un terremoto politico in India. Il Partito del Congresso, al momento al governo, è sottoposto a un attacco politico e mediatico e sta cercando di correre ai ripari. «Non crediamo che la replica della compagnia al governo sia significativa.
Andremo avanti fino alla radice del problema e i colpevoli saranno puniti con la massima severità», ha detto il ministro della Difesa, Arackaparambil Kurien Antony. Il riferimento è alla richiesta di chiarimenti avanzata a Finmeccanica che potrebbe portare al blocco dell’appalto (sono stati consegnati solo 3 elicotteri su 12) da parte del governo.
Il ministro ha pure minacciato azioni punitive nei confronti della società italiana se verrà dimostrato che sono stati utilizzati mediatori per favorire l’acquisto dei suoi elicotteri. E il Senato dello stato asiatico ha istituto una commissione d’inchiesta di 30 membri sulla gara che dovrà fornire i suoi risultati entro tre mesi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa