Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Finmeccanica, cessioni e un partner per Drs

«Una bella impresa muscolosa e snella, che controlla le spese ed evita sprechi». Così Mauro Moretti definisce al Corriere la Finmeccanica di domani. Ieri a Londra l’amministratore delegato ha presentato il piano industriale 2015-2019 del gruppo, premiato dalla Borsa con un +2,38% a 9,24 euro, mentre l’indice Ftse Mib perdeva lo 0,81%. Il piano prevede risparmi e rafforzamento con la concentrazione su tre settori: difesa, aerospazio, sicurezza. E la cessione di comparti non strategici come i trasporti (Ansaldo Breda, Ansaldo Sts, BredaMenarinibus) e altre attività (Fata, impianti industriali). È una discontinuità con il passato: «Caratteristiche opposte — commenta Moretti —. Prima la logica era vendere le parti pregiate per fare cassa, stavolta non si distruggono risorse. Anche su Breda la logica è rafforzarla». Sono possibili interventi sull’organico, ma «saranno discussi con i sindacati», dice il capoazienda. 
Per la controllata americana Drs sono stati individuati possibili partner «per avviare la crescita», ha dichiarato il manager a Londra, e si prevedono cessioni per 200 milioni, entro il trimestre, delle attività meno profittevoli. Sulla vendita di Ansaldo Breda (dove sembra in vantaggio Hitachi) l’accordo, secondo fonti, è previsto entro un paio di settimane. «Siamo alle battute finali», ha detto del resto agli analisti ieri Moretti, che ha rivisto al rialzo le linee guida e previsto «piccole acquisizioni». Sull’aerospazio l’intenzione è salire nell’Avio del lanciatore Vega (Finmeccanica ha il 14%) e aumentare il peso dell’Italia nelle joint venture con Thales. «Su Avio vogliamo riprendere il controllo industriale perduto — dice Moretti —. Quanto a Thales Alenia, l’interesse del Paese alla produzione di satelliti sembra arrivato dai maggiori finanziamenti pubblici».
Il piano mira a ridurre il debito, tallone d’Achille del gruppo, di oltre 600 milioni entro il 2017 a meno di 3,5 miliardi (senza operazioni straordinarie). Sottolinea fra gli errori passati le «acquisizioni pagate troppo» (caso Drs) e la struttura «ridondante»: ora le partecipate al 100%, come Selex, dovrebbero diventare marchi di prodotto e rispondere direttamente a Moretti. Non è ancora definita la politica dei dividendi, «ma ci sono margini per il futuro», ha detto il manager.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa