Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fineco, l’utile sale a 269 mln

FinecoBank ha archiviato il 2019 con un utile netto rettificato per le poste non ricorrenti di 268,8 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto all’anno precedente. L’utile netto si è posizionato a 288,4 milioni (+19,5%), incluso un beneficio fiscale derivante dal Patent Box stimato a circa 22 milioni. I ricavi sono saliti del 4,7% a 657,8 milioni. In aumento anche i costi operativi a 249,6 milioni (+2,2%) e il risultato di gestione a 408,2 mln (+6,2%). Il cost-income si è attestato al 37,9%. Il dividendo proposto ammonta a 0,32 euro, in miglioramento del 5,6%.

«I risultati 2019 segnano un punto fondamentale nella storia di Fineco, confermando nei numeri e nei fatti la massima sostenibilità e qualità del nostro modello di business», ha osservato l’amministratore delegato Alessandro Foti. «I valori di trasparenza ed efficienza che caratterizzano da sempre il percorso di Fineco, la capacità dei nostri consulenti di rispondere con efficacia a tutte le esigenze finanziarie della clientela, unitamente a un’offerta di soluzioni di investimento sempre più evolute hanno permesso di conseguire il migliore risultato di sempre. Un dato di forte crescita, che ha coinvolto tutte le aree di business. Il nuovo anno si è aperto con ottime prospettive anche sul fronte della raccolta, grazie a un processo di trasformazione della liquidità della clientela verso forme di risparmio più efficienti. Continueremo a investire nello sviluppo delle tecnologie e di nuove piattaforme, nel miglioramento ulteriore della customer experience dei nostri clienti e della produttività della rete, con la massima attenzione al ruolo chiave svolto dalla consulenza specializzata».

Intanto Fineco ha notificato ai regolatori britannici l’intenzione di aprire una filiale commerciale in Gran Bretagna.

Per quanto riguarda l’aumento dei costi sui conti correnti annunciato recentemente, l’istituto si aspetta quest’anno la chiusura di 50-60 mila conti. I clienti che li stanno chiudendo sono a basso valore e con pochi Tfa (asset finanziari totali). In futuro Fineco prevede un numero inferiore di nuovi clienti, ma con maggiore qualità.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa