Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fideiussori con protezione debole

di Debora Alberici 

Al fideiussore di un'azienda non sono applicabili le garanzie che il codice del consumo ha previsto in caso di clausole vessatorie.

È quanto stabilito dalla Corte di cassazione che, con la sentenza n. 25212 del 29 novembre 2011, ha respinto il ricorso del fideiussore di una società nell'ambito di un contratto di leasing.

Insomma, ad avviso della terza sezione civile e in ossequio alla giurisprudenza della Corte di giustizia europea, «va esclusa l'applicabilità della tutela del consumatore quando il contratto di fideiussione sia concluso da una persona fisica che non agisce nell'ambito di un'attività professionale ma a garanzia di un debito contratto da soggetto che agisce nell'ambito della sua attività professionale», come ad esempio una società.

Già nel 2006 un altro Collegio del Palazzaccio (sentenza numero 13643) aveva sancito che nell'ipotesi di fideiussione che accede a contratti bancari deve ritenersi sussistente il requisiti oggettivo per l'applicabilità della disciplina delle clausole abusive in ragione del collegamento contrattuale intercorrente tra il contratto costitutivo del debito principale garantito e quello costitutivo dell'obbligazione fideiussoria.

In altri termini, la qualità del debitore principale «attrae» quella di fideiussore ai fini della individuazione del soggetto che deve rivestire la qualità di consumatore. Questo perché «la struttura funzionale della fideiussione si sostanzia in un rafforzamento accessorio del debito principale che viene garantito, in maniera tale da non poter non porre lo stesso rapporto principale come punto di riferimento per l'indagine circa l'applicazione o meno della normativa speciale disciplinata dal codice del consumo».

D'altronde l'articolo 1469 del codice civile, al quale gli Ermellini hanno dato interpretazione restrittiva, prima dell'entrata in vigore del codice del consumo, qualificava come contratti dei consumatori quelli aventi ad oggetto la cessione di beni o la prestazione di servizi e tale definizione mal si conciliava con il contratto di fideiussione, che ha come causa la garanzia dell'adempimento di un'obbligazione altrui.

La vicenda riguarda un uomo che aveva prestato garanzia in favore di una società in relazione a un leasing. A un certo punto l'azienda non aveva più pagato il canone mensile sostenendo che il contratto contenesse delle clausole vessatorie. Così le autorità avevano spiccato un decreto ingiuntivo nei confronti del fideiussore. Lui si era opposto di fronte al Tribunale di Milano ma senza successo. La decisione era stata poi confermata dalla Corte d'Appello. Quindi il fideiussore ha presentato ricorso in Cassazione rivendicando l'applicabilità, anche al suo caso, del codice del consumo. La terza sezione civile ha respinto tutti i motivi presentati dalla difesa. In sostanza se fosse stato un professionista e non una persona fisica a mettere a disposizione garanzie in favore di una società le nuove norme avrebbero trovato applicazione. Anche la Procura Generale del Palazzaccio ha chiesto al Collegio di legittimità di bocciare il ricorso.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

TORINO — La produzione della 500 elettrica ferma i contratti di solidarietà nel polo torinese, tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non deve essere imputata la società unipersonale. Non sulla base del decreto 231. In questo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora al palo la corsa agli aumenti di capitale agevolati dall’articolo 26 del Dl 34/2020...

Oggi sulla stampa