Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fiat sotto esame per il balzo in Chrysler

 

MILANO — Standard &Poor’s conferma il rating. Moody’s — come già aveva fatto Fitch a caldo— lo mette invece sotto osservazione per un possibile declassamento. Sono contrastanti, i giudizi finali che le agenzie di valutazione del debito danno della mossa annunciata da Fiat giovedì scorso: l’accelerazione verso il controllo di Chrysler, con il rimborso anticipato del debito governativo da parte della casa di Auburn Hills e la salita del Lingotto al 46%già entro giugno. Per tutte e tre le analisi, il punto in comune è «l’aumento dell’esposizione» di Torino verso Detroit. Diversa è però la conclusione espressa in termini di «voto» . Moody’s, pur riconoscendo al gruppo italiano «una liquidità significativa» , decide di avviare l’esame su «relazione intersocietaria, futura interdipendenza delle due società, potenziale accresciuta esposizione di Fiat su Chrysler» e da qui fa discendere il possibile downgrade dal livello di Ba1 attualmente assegnato al Lingotto. S&P, ammettendo la sorpresa per un’operazione che «ci aspettavamo graduale e invece avverrà prima delle attese» , sottolinea a sua volta come «questo limiti la flessibilità finanziaria di Fiat e la lasci più esposta a una performance 2011 più debole rispetto alle aspettative» . I suoi analisti scelgono, tuttavia, di non ritoccare l’attuale valutazione di Bb: l’outlook negativo (a sua volta confermato) evidentemente già «riflette i rischi operativi e finanziari legati all’aumento dell’esposizione in Chrysler» . Aggiunge, Standard &Poor’s, che «qualsiasi segnale di ritardo nell’integrazione o risultati deludenti in quest’ambito nei prossimi 12 mesi, in particolare sui margini di profitto, accrescerebbe la pressione sul rating Fiat» . D’altra parte, dal Lingotto «ci aspettiamo un rafforzamento del profilo di liquidità nei prossimi trimestri, per mantenerlo a un livello in linea con i nostri criteri» . Né il possibile, nuovo declassamento da parte di Moody’s e Fitch, né la conferma di voto e outlook da S&P provocano effetti in Borsa. Piazza Affari aveva salutato l’annuncio su Chrysler, giovedì scorso, con un botto del 4,5%. Ieri, alla riapertura delle contrattazioni dopo la pausa pasquale, complice un buon andamento del settore sulla scia dei conti Ford (migliori delle previsioni) anche Fiat ha continuato a correre: alla vigilia dell’assemblea di Exor, in calendario domani, lascia il listino con un nuovo rialzo del 3,5%e rivede quota 7,11 euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa