Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fiat, soluzione Pomigliano. Si torna alla società unica

TORINO — L’aveva fatto capire solo l’altro ieri, Sergio Marchionne, da Grugliasco: «Stiamo lavorando a una soluzione». Che in realtà sarebbe già stata trovata. Fiat non conferma. Ma sono fonti sindacali, citate dall’Ansa, a dare per certa la svolta per Pomigliano. Non solo per i 19 che, dopo l’assunzione ordinata dal giudice per altrettanti iscritti Fiom, si avviavano dalla mobilità al licenziamento: anche, anzi soprattutto, per i 1.400 dipendenti non ancora passati a Fabbrica Italia Pomigliano, sempre in carico alla «vecchia» Fiat Group Automobiles, e tuttora in cassa integrazione. Il problema è che quella Cig, a differenza di quanto accade nella «nuova» Pomigliano (dove gli stop sono saltuari e legati al mercato), è Cig straordinaria. Con una scadenza precisa: luglio. Da lì in poi, non potrebbero esserci più rinnovi. E non potrebbe esserci alternativa né per i lavoratori né per l’azienda: o l’assunzione in Fip o la mobilità. La prima è esclusa: troppo bassa, sempre, la domanda di auto per pensare di aumentare la produzione e dunque l’occupazione. Quel che restava era quindi lo spettro della seconda.
Potrebbe essere presto scongiurato. La Fiom dava già per certi i licenziamenti. Tra i «sindacati del sì» — anche se il numero uno Fismic, Roberto Di Maulo, raffredda: «Stiamo lavorando, ma al momento la soluzione non c’è» — si dice invece che il giorno buono potrebbe essere lunedì. E che la via d’uscita potrebbe essere questa: scioglimento della newco Fip e «ritorno» dei suoi dipendenti alla «vecchia» Fga. Per questi lavoratori non cambierebbe nulla, sarebbe un passaggio burocratico. Per i 1.400 mai usciti dalla (ex?) bad company e dalla Cig, oltre che per i famosi 19, cambierebbe invece tutto. Non tornerebbero in fabbrica, non fino a che il mercato non si sarà ripreso. Ma non finirebbero nel tunnel della mobilità, perché Fga non dichiarerebbe chiaramente più la «cessazione d’attività». E potrebbe accedere alla cassa ordinaria, legata alle esigenze della produzione.
La questione è con tutta evidenza complessa e delicata. I passaggi che comporta lo sono altrettanto. Perciò le stesse fonti sindacali restano ben coperte e il Lingotto neppure commenta. Ieri, peraltro, a Torino la giornata di Marchionne è stata occupata in gran parte da Fiat Industrial. Consiglio d’amministrazione, incontro con i sindacati di settore, conference call con gli analisti. Ed è da lì che arriva l’aggiornamento più atteso dai mercati (finanziari, questa volta). La fusione procede, Wall Street si avvicina: quotazione «nella prima metà del terzo trimestre», cioè tra luglio e agosto, conferma il presidente. E se come da programma si va avanti verso il matrimonio Industrial-Cnh, come da attese si presentano i conti 2012 del gruppo. «Girano» benissimo le macchine per l’agricoltura (+20% i ricavi) e bene quelle per costruzioni (+6%). Frenano, in parallelo alla caduta del mercato europeo, i camion (-6,7%, ma «dobbiamo smetterla di parlare di cessione di Iveco, non è vendita»). E frena ancor più l’attività Powertrain (-8,9%). Anche in Fiat Industrial, come nell’auto, è insomma il «lato americano» del Lingotto a trainare un bilancio che chiude con ricavi in aumento del 6,2% a 25,8 miliardi, utili della gestione ordinaria a 2,079 miliardi (+393 milioni), attivo netto su del 31% a 921 milioni. Sono «profitti coerenti con la nostra strategia», dice Marchionne. Che promette: «Il dividendo resterà un elemento strutturale». Per ora, 2012, in un quadro finanziario che vede l’indebitamento industriale netto passare da 1,2 a 1,6 miliardi a fronte di 6,2 miliardi di liquidità, il monte-cedole sarà di 275 milioni: 0,225 euro per azione.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Gaetano Miccichè lascia il consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup. Il presidente della div...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio per tre provvedimenti chiave del governo Draghi per accompagnare l’attuazione del Recovery...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se mai ci fosse stato un dubbio, il Csm ha messo nel mirino tutta la situazione che sta incendiando...

Oggi sulla stampa