Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Fiat più grande? Pronti a diluirci»

di Raffaella Polato

MILANO — «Andare all’estero non significa che ciò che c’è in Italia si riduce» . Ma conferma, John Elkann, che quel che potrebbe ridursi (e il condizionale è forse superfluo) è la partecipazione di Exor. Sta ovviamente parlando di Fiat-Chrysler, il numero uno della holding torinese (oltre che presidente della stessa Fiat), e il concetto è quello su cui insiste da almeno un paio d’anni: meglio essere «azionisti più piccoli di un gruppo più grande» che fissarsi nella «staticità dell’esistente» e frenare lo sviluppo delle aziende. Questa volta, in un colloquio con il Financial Times, è ancora più esplicito. Quale sia la strada che Sergio Marchionne, con «l’assoluto supporto» dell’azionista, ha imboccato per il Lingotto è ampiamente noto: l’alleanza con Auburn Hills. Altrettanto noto è il punto d’approdo: fusione. Potrebbe essere completata in due-tre anni, secondo le indicazioni dell’amministratore delegato (del quale Elkann dice: «Non potremmo avere un partner migliore. Obiettivi chiari, sostegno reciproco e rispetto per i rispettivi ruoli: è questa l’essenza di una buona relazione. E lui ha un enorme talento» ). A quel punto, quando arriverà il momento di unire le due aziende, è vero che l’ultima parola spetterà a Exor: «Ogni decisione— sottolinea il quotidiano— deve avere l’approvazione di Elkann» . È vero anche, però, che ci sono pochi dubbi sul modo in cui l’operazione Chrysler è sempre stata accompagnata. Totale sostegno ieri. Totale sostegno domani: anche, ribadisce il presidente, attraverso la diluizione della quota della holding (scelta «impensabile» , scrive l’Ft, sia per le precedenti generazioni Agnelli sia per le altre famiglie europee dell’auto, «dai Peugeot ai Quandt» ). Morale: Exor potrebbe essere sempre il primo socio singolo del nuovo gruppo. Ma non più con il 30%storico. È la parte della strategia delineata per trasformare l’auto torinese «in un business più grande» , come ripete Elkann al Financial Times (titolo del ritratto-intervista: «L’erede inaspettato che ha salvato i gioielli di famiglia» ). Dopodiché, è chiaro che sa perfettamente quale sia il nodo «politico» di questo scenario. Sede a Torino? A Detroit? Gruppo italiano? Americano? Le decisioni sulla governance, dicono i vertici torinesi da quando è scoppiata la polemica, non sono sul tavolo oggi e dipenderanno — tra l’altro— dalle condizioni in cui nel frattempo potrà «muoversi» Fabbrica Italia (che proprio ieri è di fatto partita a Pomigliano: prime otto assunzioni, ma anche annuncio dei primi ricorsi Fiom). È in ogni caso un gruppo «multipolare» , quello che si delinea. E il punto, per Elkann, è la capacità di stare sui mercati internazionali. Finanziari: ieri Fiat Industrial ha lanciato un bond da un miliardo con scadenza a quattro anni, e uno da 1,2 a sette anni (in entrambi i casi con richieste superiori all’offerta). E produttivi: sempre ieri, in Messico, Marchionne ha festeggiato con il presidente Felipe Calderon il lancio della 500 «americana» e preannunciato che a Toluca potrebbe arrivare un altro modello del gruppo. Ma, insiste Elkann, niente di tutto ciò significa «ridurre la presenza in Italia» . Anzi: «Fiat è un grande esempio di come una società italiana possa crescere all’estero e accettare la sfida dei mercati mondiali» . Quello che lui chiama «l’orgoglio per le proprie radice» rimane: «Ma non dovrebbe essere un freno per la crescita» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La segnalazione di Bankitalia su un’ipotesi di falso in bilancio rende legittimo il sequestro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Illimity Bank e un’affiliata di Cerberus capital management hanno perfezionato un’operazione di ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È ancora presto per dire che quello della raccolta di denaro fresco per le banche italiane non rapp...

Oggi sulla stampa