Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Fiat per l’Italia, ma ora un piano Marshall»

Fiat continuerà a investire e a credere nell’Italia, non chiuderà nessuno stabilimento. E tra 3-4 anni arriverà alla piena occupazione dei propri lavoratori. Ma la fase di emergenza in cui viviamo richiede interventi rapidi e incisivi, sostiene Sergio Marchionne nel suo discorso all’assemblea di Confindustria Firenze. E invoca «uno scatto di orgoglio, uno sforzo collettivo, una specie di patto sociale. Un piano di coesione nazionale per la ripresa economica, chiamatelo piano Marshall per l’Italia o come volete», dice amministratore delegato di Fiat Chrysler, ricordando l’enorme sforzo finanziato dagli Stati Uniti per far ripartire l’Europa alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

L’intervento al Teatro comunale, dove è arrivato in auto insieme al presidente di Mps Alessandro Profumo, però serve a Marchionne anche per far pace con la città e il suo sindaco, dopo le «parole sconsiderate» dello scorso ottobre. «Firenze città piccola e povera», aveva detto l’ad a Bruxelles, scatenando un vespaio di polemiche. Un errore di un giornalista, corregge: a pronunciare la frase per descrivere Firenze non era stato lui, bensì un altro dei presenti al pranzo privato, parole mal tradotte e addossate a lui. Insomma una «bella bischerata», dice adesso Marchionne, che fu poi costretto a comprare una pagina sul quotidiano La Nazione per spiegarsi.

Chiusa la questione, il manager può passare agli «argomenti seri». Comincia dalla Fiat, che «oggi non è più quella che molti italiani ricordano. La realtà del 2004 non esiste più». Il fatturato è salito da 27 a 84 miliardi. L’Europa pesa poco più del 20% rispetto al 92% di 8 anni fa, anche grazie alla «straordinaria avventura con Chrysler, per la quale Marchionne sta stringendo i tempi: forse già entro il 21 giugno Fiat dovrebbe raggiungere un accordo con 9 banche per rifinanziare 1,95 miliardi di euro e prepararsi ad acquistare la casa americana, scrive Bloomberg . «Dalle potenziali ceneri di un costruttore italiano abbiamo creato un gruppo automobilistico con un orizzonte globale. Ma nonostante questo, Fiat è considerata ancora da molti nel nostro Paese un’azienda che si trascina dietro tutti i pregiudizi di venti o più anni fa». Sono «pregiudizi sulla qualità dei prodotti, sull’ingerenza in politica e quello di vivere alle spalle dello Stato con aiuti pubblici», dice Marchionne. La sua verità? Investimenti per 23,5 miliardi contro agevolazioni pubbliche pari a circa 742 milioni. «Significa che abbiamo creato lavoro e benessere, e che continuiamo a investire e a credere nell’Italia». Semmai è l’Italia a non credere nel gruppo torinese. «Non siamo riusciti a convincere neppure il primo cittadino di Firenze, che preferisce guidare un’auto straniera», scherza Marchionne. E a margine dell’evento, a chi gli ha chiesto dei contenuti di un suo colloquio con Renzi, Marchionne ha risposto: «Ho cercato di vendergli una macchina».

La prova suprema del cambiamento: «Se oggi ci fosse ancora la Fiat di una volta avremmo già portato i libri in tribunale da un pezzo».

Poi tocca all’Italia. «Dare lavoro alla gente deve diventare l’unico obiettivo pr chiunque abbia davvero a cuore le sorti di questo Paese», sostiene. «L’obbligo di tirare fuori il Paese dala recessione e dalla disoccupazione è un nostro obbligo è un nostro dovere, che ci deve vedere tutti alleati». Serve una «agenda di riforme per modernizzare» il nostro Paese. E occorre metterla in pratica. Bisogna rafforzare l’Unione europea, con un governo dell’economia. Ma «ognuno può fare la sua parte». Per Fiat: «La scelta più razionale sarebbe quella ci chiudere uno o due stabilimenti in Italia», anche «per far fronte alla sovraccapacità produttiva dice Marchionne. Abbiamo invece detto e lo ribadisco che non chiuderemo nessuno stabilimento in Italia». La strategia prevede «già nei prossimi 24 mesi un significativo aumento dell’attività produttiva, fino a d arrivare nel giro di 3-4 anni a un pieno impiego di tutti nostri lavoratori».

Ieri intanto Moody’s ha confermato il rating B1 di Fiat Chrysler, con outlook stabile.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa