Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fiat, i primi conti con Chrysler

di Raffaella Polato

MILANO — Ricavi su del 10,6%. Utile netto quasi raddoppiato. Indebitamento in discesa, liquidità in aumento. La due giorni brasiliana del Lingotto parte da Fiat Industrial e comincia, per Sergio Marchionne, con un rialzo dei target. Doppio, probabilmente. È il comunicato che presenta i risultati trimestrali ad annunciare il primo: visto anche com’è andata tra aprile e giugno— «Un buon trimestre, nessuna cattiva notizia» , esordirà poi il presidente con gli analisti— si ritoccano già le previsioni per fine anno. Che potrebbero però essere ancora riviste. E presto. Marchionne ha abituato i mercati a tenersi «basso» . L’ha fatto anche questa volta, evidentemente, se già in conference call non si limita a confermare i nuovi obiettivi fissati in consiglio. «Ci attendiamo un buon secondo semestre, sicuramente in linea con la nostra guidance attuale» . Ma «alla fine del terzo trimestre rivedremo le nostre stime» . E sì: «C’è il potenziale di un ulteriore upgrade delle proiezioni rispetto a dove siamo ora» . È già chiusa, la Borsa, quando arriva la promessa del secondo ritocco. Erano comunque bastate la trimestrale e la prima revisione degli obiettivi a spingere Fiat Industrial nettamente controcorrente. Nell’ennesima giornata nera dei mercati il titolo parte in rialzo sulle aspettative e finisce a razzo con i numeri nero su bianco. Chiusura a 9,47 euro, +5,4%(e in attesa del board di oggi, che non dovrebbe essere seguito già dall’annuncio della «squadra dei 25» ma è pur sempre il primo con Chrysler consolidata, anche Fiat Spa va su dell’ 1,35%). Gli analisti l’avevano previsto, un buon trimestre. E siamo, in effetti, nella parte alta delle stime. Vanno bene tutti i settori: rispetto ad aprile-giugno 2010 Cnh aumenta i ricavi del 9,5%(+22,3%in dollari) e va a 3,6 miliardi di euro, Iveco sale del 16,1%a 2,4, Powertrain arriva quasi al 30%e tocca gli 838 milioni. Risultato: per Fiat Industrial c’è un fatturato di 6,3 miliardi (+10,6%), con un utile della gestione ordinaria che passa da 346 a 530 milioni e un utile netto che sale da 130 a 239. Sul semestre, i ricavi vanno a 11,6 miliardi, l’utile della gestione ordinaria a 807 milioni, l’utile netto a 353. È questo che consente a Marchionne di promettere «dividendi regolari» e ritoccare una prima volta i target 2011: ricavi a 24 miliardi, utile della gestione ordinaria oltre gli 1,5, indebitamento netto industriale a 1,6 (a giugno era già sceso da 2,1 a 1,7), liquidità superiore a 4 miliardi (è già salita da 3,5 a 3,9). Confermato anche il miliardo di investimenti: ma qui, mentre Cnh punta «forte» sull’Argentina, è confermato pure che Irisbus-Iveco chiuderà l’impianto di Barcellona e cederà (se le trattative con Dr andranno in porto) quello di Avellino.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa