Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fiat, Fornero convoca i sindacati Volkswagen: Alfa Romeo? Ci piace

ROMA — Ci sarà anche un incontro con i sindacati presenti in Fiat, dopo quello che si terrà sabato a palazzo Chigi sul piano Fabbrica Italia con l’amministratore delegato Sergio Marchionne e il presidente John Elkann. A annunciarlo è stato il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, senza fornire una data ma assicurando che «c’è questa determinazione del ministro del Lavoro e, sono sicura, del governo».
L’idea è probabilmente quella di rassicurare i sindacati che sono in fibrillazione e chiedono chiarimenti: «Spero che il governo abbia la forza di chiedere a Fiat la verità» ha affermato il leader della Cgil, Susanna Camusso, con riferimento ai 20 miliardi di investimenti previsti nel piano Fabbrica Italia che Fiat sembrerebbe non voler confermare. Anche per il leader del Pd, Pier Luigi Bersani, è il momento di mettere le carte in tavola: «Fiat riconfermi i suoi impegni in Italia e un patto per sviluppare la ricerca di prodotti nuovi».
«L’accordo tra Fiat e sindacati funziona solo se si fanno gli investimenti» ha avvertito il segretario della Uil, Luigi Angeletti. Mentre Raffaele Bonanni della Cisl ha invitato il governo a offrire «più efficienza nei sistemi infrastrutturali» in cambio di un impegno del gruppo.
L’idea che a palazzo Chigi sabato si possa andare al di là del chiarimento, fino a intavolare una trattativa tra Monti e Marchionne è molto diffusa, ma è difficile immaginare su cosa.
Il governo ha già chiarito la posizione sulla Fiat nel precedente incontro, a metà marzo, quando Monti, allergico al dirigismo, si guardò bene dal parlare di «aiuti». Aiuti a proposito dei quali il ministro per le Politiche Ue, Enzo Moavero Milanesi, ieri ha detto in linea generale che sono vietati dall’Ue salvo deroghe. Aiuti che Fiat in passato ha accettato, se è vero quello che la Cgia di Mestre ieri ha stimato, cioè che il gruppo dal 1977 avrebbe ricevuto 7,6 miliardi dallo Stato, investendone 6,2 miliardi, al netto dei contributi alle ristrutturazioni e degli ammortizzatori sociali.
L’ad della Fiat, d’altra parte, è stato molto chiaro nell’intervista a la Repubblica: non vuole incentivi, non vuole fare investimenti in un periodo di grossa crisi del mercato e, solo «per senso di responsabilità» nei confronti del Paese, non propone «chiusure di stabilimenti», come i soci americani auspicherebbero. Insomma l’idea del manager sembra quella di un galleggiamento che duri fino al 2014 perché prima Marchionne non prevede una ripresa. E per far questo gli ammortizzatori sociali in campo per i quattro stabilimenti ci sono già tutti, finanziati con i contributi di Fiat e dei lavoratori.
E allora dove sarebbe lo scambio? A marzo Monti ebbe a chiarire che «la Fiat non ha nessun dovere di ricordarsi solo dell’Italia» se non ci sono le condizioni, citando tra queste «la produttività e la flessibilità». Ed è dunque questo che il governo potrebbe offrire rilanciando la trattativa sulla produttività e, chissà, rimettendo mano alla riforma Fornero.
Tutto questo in cambio di un impegno della Fiat per il dopo-crisi. In assenza di rassicurazioni, il governo potrebbe verificare la disponibilità di Fiat a cedere uno stabilimento alla concorrenza. Ma proprio ieri la Toyota ha smentito ogni mira, mentre la Volkswagen, sondata su un interesse per Alfa Romeo, ha risposto: «Non è un segreto il fatto che riteniamo Alfa Romeo un marchio interessante. Ma si può star sicuri del fatto che con 12 marchi abbiamo già abbastanza da fare». Il gruppo tedesco parla di «marchi», dunque e non di stabilimenti. Almeno per ora.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa