Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ferrari, richieste quattro volte l’offerta Sciopero negli impianti Usa, Fca tratta

Il prospetto definitivo dell’Ipo Ferrari è pronto (riguarda il 10% del capitale): siamo dunque alle battute finali, si attende solo l’annuncio da parte del presidente di Fiat Chrysler John Elkann e dell’amministratore delegato Sergio Marchionne, che devono comunicare il range di prezzo ed il giorno in cui la Ferrari sbarcherà «fisicamente» a Wall Street, la sede scelta per rilanciare il brand a livello mondiale, con il ticker FRRI (il codice utilizzato per la negoziazione). La tradizionale campanella non verrà suonata sicuramente nella prossima settimana (la quotazione di Ferrari non può essere effettuata prima del 12 ottobre, un anno esatto da quando è avvenuta la quotazione di Fiat Chrysler) ma l’operazione si concluderà verso la fine del mese. Il collocamento, che dovrebbe generare almeno un miliardo di dollari, ha ricevuto richieste superiori almeno quattro volte: gli istituti interessati (Ubs, Merrill Lynch, Mediobanca, Banco Santander, Bnp Paribas,Jp Morgan e Allen&Co) sono stati sommersi dalle richieste degli investitori.
Oggi Elkann e Marchionne incontrano il presidente del Consiglio Matteo Renzi al Museo Ferrari di Modena, in occasione della consueta riunione annuale della banca d’affari BdT che ha come clienti le più importanti famiglie dell’imprenditoria internazionale, come, appunto, gli Agnelli/Elkann. L’occasione servirà per confrontarsi sui temi che, in questo momento, sono in primo piano nel settore automobilistico, dalla ripartenza della fabbrica di Cassino, dove ormai è tutto predisposto per la produzione dell’Alfa Romeo Giulia, ai problemi legati alle nuove norme che regolamenteranno, in futuro, le emissioni di gas nocivi, che dovranno, necessariamente, essere concordate con la Ue. Marchionne informerà Renzi anche sulle prospettive della ripresa del mercato, italiano ed europeo, che pare ormai uscito dal tunnel, proiettando segnali confortanti per l’avvenire industriale e commerciale del Paese.
Sul fronte americano si attende la decisione del sindacato Uaw che ha minacciato di indire uno sciopero ( l’ultimatum scade a mezzanotte, ora di New York, sei di mattina, ora di Roma) se non viene raggiunto l’ accordo per il rinnovo del contratto collettivo, quadriennale. Le discussioni proseguono, l’astensione dal lavoro — prevista sia nello stabilimento dell’Indiana, dove vengono costruiti i motori, sia in quello di Toledo (Ohio) dedicato all’assemblaggio delle Jeep — provocherebbe un grave danno all’azienda. Dennis Williams , il capo del sindacato, sta lavorando con impegno perché ciò non avvenga. Sergio Marchionne attende le reazioni, sperando di non essere costretto a prendere decisioni drastiche: l’azienda è libera di decidere dei propri investimenti e potrebbe spostare la produzione in altri impianti europei.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa