Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fca, perquisizioni al Lingotto. Il gruppo: chiariremo tutto

La Procura di Francoforte, in Germania, ha fatto partire ieri mattina in collaborazione con le Procure di Torino e del Canton Ticino, in Svizzera, una serie di perquisizioni in tre impianti del gruppo Fca. La Guardia di Finanza si è presentata a Torino e a Orbassano e nel pomeriggio le perquisizioni hanno riguardato anche altre sedi di Fca e Cnh situate in Svizzera, nel Cantone di Turgovia, dove, ad Arbon, c’è il più importante centro ricerca di Cnh e in Germania, tra gli stati federali di Baden-Württemberg e Assia. L’indagine, coordinata da Eurojust (l’organismo di cooperazione giudiziaria dell’Unione Europea), punta ad accertare se sono state manipolate due categorie di motori, attraverso l’installazione di un software che potrebbe fornire risultati diversi a seconda se è in corso un test o un viaggio normale, raggirando così i limiti imposti dall’Unione Europea sui gas nocivi.

Sotto inchiesta sono finiti i Multijet euro 5 ed euro 6 montati su vetture Alfa Romeo, Jeep e Fiat, oltre ad altri Multijet in dotazione su veicoli commerciali e pesanti di Iveco. Il fascicolo era già aperto dal 2017 contro ignoti, in seguito al «dieselgate» partito dal gruppo Volkswagen. Sempre nello stesso anno un’indagine era stata avviata anche dal Dipartimento di Giustizia Usa, che aveva riscontrato su 104 mila vetture di Fca una centralina in grado di variare i dati relativi alle emissioni.

Fca nel 2019 ha patteggiato con l’agenzia per la protezione ambientale Epa, incluso lo Stato della California, 800 milioni di dollari per chiudere l’inchiesta. Oltre 3.200 consumatori hanno tuttavia continuato a proseguire azioni legali individuali, il cui ammontare non è definito. Era stato arrestato un dipendente della società italoamericana, Emanuele Palma, accusato di aver ingannato la clientela e gli organi competenti per aver applicato dei sistemi illeciti sui veicoli diesel venduti in Usa, che modificavano la composizione dei gas di scarico. Ora pare che siano coinvolti nove tecnici in Italia, attivi tra il 2014 e il 2019. Si attendono i risultati dei controlli effettuati dalla Guardia di Finanza per capire i dati reali dell’investigazione.

Un portavoce di Fca ha confermato le perquisizioni, dichiarando la completa collaborazione dell’azienda per arrivare alle responsabilità oggettive. Sempre nella giornata di ieri, l’Antitrust europeo ha sospeso la procedura sulla fusione tra Fca e Psa, lamentando il mancato invio della documentazione richiesta. Uno step che potrebbe allungare i tempi di risposta — previsti a metà novembre — da parte di Bruxelles sulla fattibilità dell’accordo tra i due gruppi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

In anticipo su alcuni aspetti, ad esempio lo smaltimento dei crediti in difficoltà; in ritardo su a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le materie prime – soprattutto l’oro e il petrolio – sono tornate a regalare soddisfazioni all...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Apprezzamento unanime» per i dati di bilancio e conferma del sostegno all'amministratore delegato...

Oggi sulla stampa