Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fassina: l’Imu resterà per i ricchi risorse divise tra Cig, esodati e Iva

Quarantott’ore per trovare la quadra sull’Imu. Non ci sono deroghe possibili, conferma il premier Enrico Letta, di ritorno dall’Afghanistan: «Sull’Imu non c’è nessun rinvio perché c’è una data, il 31 agosto e la scadenza del 16 settembre». Il dl 54/2013, che ha sospeso il pagamento della prima rata dell’Imu, ha fissato infatti per il 31 agosto il termine entro cui varare la riforma. Altrimenti scatterà la clausola di salvaguardia e bisognerà pagare la prima rata entro il 16 settembre, mentre il pagamento della seconda rata è fissato per il 16 dicembre. Nelle ultime ore si sono rincorse dichiarazioni sempre più tassative dei due schieramenti: non sembra esserci al momento conciliazione possibile tra il Pdl che esige l’abolizione totale sulla prima casa e il Pd che intende mantenere l’imposta per i proprietari di case di lusso, il 20-30% del totale.
«Non ci sono le condizioni per cancellare l’Imu sulle abitazioni più ricche. — dice il viceministro dell’Economia Stefano Fassina in un’intervista televisiva — Abbiamo poche risorse e quattro priorità: Imu, Iva, la cassa integrazione in deroga e gli esodati e su queste dobbiamo allocare risorse scarse». Ma per il Pdl non ci sono graduatorie che tengano: «L’Imu è da sempre fra le prioritàdel governo, ci aspettiamo azioni coerenti con i molti annunci e con le giuste aspettative degli italiani», dice l’ex ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. «Confido che gli impegni vengano rispettati. — afferma il presidente dei senatori del Pdl Renato Schifani — L’abolizione della tassa sulla prima casa è un punto essenziale».
«Vorrei che il Pdl fosse attentonon solo a chi ha un appartamento di 400 metri quadri nel centro delle grandi città ma anche a chi è in cassa integrazione o in pensione. — ragiona Fassina — Non ci sono le condizioni per cancellare l’Imu sulle abitazioni più ricche, perché non possiamo guardare in faccia un disoccupato e dirgli che non gli diamo l’indennità di disoccupazione di 500 euro perché abbiamo cancellato la tassa sulla casa ai più ricchi». Dalle indiscrezioni filtrate nelle ultime ore, risulta che i tecnici del ministero dell’Economia siano riusciti a recuperare risorse che potrebbero arrivare a 3,5 miliardi, insufficienti per l’abolizione totale dell’Imu sulla prima casa (mancherebbe un miliardo), sufficienti invece per la cancellazione totale della prima rata, parziale dellaseconda e per il finanziamento della Cig in deroga (circa un miliardo di euro). Per l’Iva non rimarrebbe che procedere all’aumento di un punto dell’aliquota del 21%, magari con una parziale rimodulazione del “paniere”, per attenuarne gli effetti.
Nei giorni scorsi il ministro per gli Affari Regionali Graziano Delrio ha proposto un’abolizione per il 70-80% dei proprietarimeno abbienti, in attesa di partire nel 2014 con la nuova service tax, meno onerosa dell’Imu, ma estesa a tutti. Un’alternativa potrebbe essere l’anticipazione a dicembre della service tax, per evitare che rimanga un buco di bilancio che potrebbe far saltare il tetto del 3% per il deficit/Pil e lasciare i sindaci con le casse vuote.
Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa