Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Export, balzo a 482 miliardi Il ritorno ai livelli pre-crisi

Le esportazioni italiane alla fine del 2021 dovrebbero tornare ai livelli registrati prima della pandemia. La stima del recupero delle vendite all’estero di prodotti made in Italy è indicata nel Rapporto Export 2021, elaborato dall’ufficio studi di Sace con il titolo «Ritorno al futuro: anatomia di una ripresa post-pandemica». In base all’analisi degli economisti della società, guidata da Pierfrancesco Latini, già al termine di quest’anno le esportazioni italiane segneranno una crescita dell’11,3% in termini di valore, attestandosi a quota 482 miliardi. Un’ulteriore accelerazione è prevista nei prossimi tre anni: per il 2022 è atteso un aumento delle esportazioni pari al 5,4%, seguito nel biennio successivo da una crescita media del 4% annuo. Un tasso di sviluppo, segnala il rapporto Sace, superiore di circa un punto rispetto alla media annua del 3,1%, evidenziata nel periodo compreso tra il 2012 e il 2019. Il rapporto conferma, insomma, che il robusto rimbalzo dell’economia globale farà da traino alle vendite del made in Italy, sebbene con qualche differenza in base alle aree geografiche.

La previsione è di raggiungere un valore dell’export nazionale pari a 550 miliardi entro il 2024 (+14% rispetto al 2021). A contribuire all’andamento delle vendite di prodotti italiani saranno anche i piani di investimento pubblici come il Next Generation EU in Europa e il piano infrastrutturale varato dal governo Usa. «Sace sosterrà gli investimenti del Pnrr a fianco delle imprese per fare crescere il Paese intero», conferma Rodolfo Errore, presidente di Sace.

Il rapporto rammenta, peraltro, che in alcuni casi la ripresa sarà più lenta, i servizi destinati all’export, per esempio, rappresentano un comparto che recupererà più tardi di altri poiché legato alle difficoltà del turismo, tanto che per il 2021 è attesa una crescita del 5,1% rispetto al 2020, mentre per l’anno prossimo la stima è +35%. «Nel momento più difficile della storia sanitaria ed economica della nostra Repubblica — osserva Pierfrancesco Latini, amministratore delegato di Sace — ci è stato affidato un nuovo mandato. Un nuovo modello di business che va oltre il tradizionale supporto all’export e all’internazionalizzazione, estendendolo anche al mercato domestico e alle garanzie green. Un impegno che si è tradotto dall’inizio della pandemia ad oggi in oltre 67 miliardi di euro di risorse mobilitate a favore delle imprese».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali prepara una task force di consiglieri per rendere più condivisa e indipendente la gestazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Federal Reserve vede un orizzonte sereno, perciò si prepara a ridimensionare gradualmente le mi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo è pronto a varare nella riunione di oggi la manovra per sterilizzare il rincaro delle b...

Oggi sulla stampa