Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Expo, partita Iva facilitata

Procedure semplificate o ridotte per ottenere la partita Iva per le imprese che svolgono attività commerciali esclusivamente all’interno dei padiglioni Expo. Per le attività di vendita/somministrazione di prodotti alimentari e non che si svolgeranno nell’ambito dell’Esposizione universale, il comune e la Camera di commercio di Milano hanno previsto procedure e modulistiche semplificate e «ritagliate» a misura dell’evento. Tali novità sono reperibili sui siti internet delle rispettive amministrazioni; inoltre, al centro servizi per i partecipanti situato all’interno della fiera di Milano (Ingresso da Porta Est) saranno presenti funzionari dei due enti per fornire consulenza ed informazioni in merito alle rispettive competenze. Queste le istruzioni contenute nella guida Scia per l’Expo redatta dalla camera di commercio di Milano e il comune meneghino. Il soggetto o l’impresa incaricata di gestire la ristorazione all’interno del sito espositivo, è tenuto all’ottenimento della partita Iva da parte dell’agenzia delle entrate, alla presentazione della Scia per la vendita/somministrazione di prodotti alimentari e all’iscrizione al Rea della camera di commercio solo se opera nell’ambito di Expo Milano 2015 per un periodo superiore ai 30 giorni. Ogni singolo soggetto che svolge attività di vendita/somministrazione all’interno di un padiglione/locale è tenuto agli adempimenti sopra descritti. Se è il partecipante stesso a svolgere in modo diretto tutte le attività di vendita o somministrazione, non avvalendosi di imprese terze, è sufficiente una sola partita Iva, una sola Scia Expo e una sola iscrizione al Rea. I responsabili delle vendite di prodotti alimentari devono essere in possesso dei requisiti previsti dal regolamento comunitario 852/2004 (Haccp). Sono validi tutti gli attestati, anche quelli conseguiti online.

Adempimenti verso le Asl. Le attività aventi per oggetto prodotti alimentari richiedono il versamento di oneri sanitari a favore di Asl. Dell’avvenuto pagamento ne va data dimostrazione alla presentazione della pratica Scia Expo, scansionando la ricevuta del versamento e allegando infine il file formato .pdf. Gli oneri sanitari sono dovuti una sola volta per tutte le attività svolte nel medesimo padiglione/locale. I padiglioni/locali situati nel comune di Milano fanno riferimento all’Asl Milano e sono tenuti al versamento dell’importo di euro 50,00 che deve essere effettuato sul c/c postale numero 14083273 intestato ad Asl Milano – servizio tesoreria – dipartimento di prevenzione, causale «registrazione attività». I padiglioni/locali situati nel comune di Rho (N1, N2, S1, S2) fanno riferimento all’Asl Milano 1; sono tenuti al versamento dell’importo di euro 35,00 che deve essere effettuato su bollettino di conto corrente postale numero 41078205, intestato a Asl Milano n. 1, via al donatore di sangue n. 50, 20013 Magenta oppure mediante bonifico bancario a favore di Banca Popolare di Milano – agenzia 161 – Via Volta n. 1, 20013 Magenta, IBANIT15G05584333 20000000075104. La causale è: «SCIA e codice fiscale o partita Iva».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa