Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Eurozona, produzione giù dell’1,7% in novembre

Si moltiplicano i segnali di un più lungo rallentamento della crescita di Eurolandia. I dati sulla produzione industriale di novembre sembrano escludere la possibilità che il pil dell’Unione monetaria possa rimbalzare, se non marginalmente, nel quarto trimestre del 2018 – come si prevedeva – dopo il +0,2% registrato in estate. Il dato ha infatti segnato una flessione dell’1,7% mensile – dopo una revisione al rialzo dell’incremento di ottobre, portato al +0,1% dal -0,1% inizialmente pubblicato – e un decremento del 3,3% rispetto a novembre dell’anno scorso.
È il peggior dato degli ultimi tre anni. La flessione ha interessato tutti i settori, e in modo particolare quello dei beni capitali, in calo del 2,3% dopo il -0,7% registrato a ottobre. È anche venuta a mancare l’attesa ripresa del settore automobilistico (-1,8% mensile), in difficoltà già nei mesi precedenti per il cambiamento delle norme sull’inquinamento (ma ora anche per il rallentamento cinese); mentre il manifatturiero non auto è ormai a crescita zero. Tutti i grandi paesi hanno contribuito alla flessione: Germania (-1,9%), Francia (-1,3%), Italia (-1,6%) e Spagna (-1,6%).
Sembra quindi improbabile un rimbalzo del pil nel quarto trimestre. Barclays aveva già rivisto al ribasso le sue previsioni, che ora puntano a un +0,2%, con una crescente probabilità di un rallentamento allo 0,1%. «Guardando oltre – spiegano Radu-Gabriel Cristea e François Cabau – rischi al ribasso derivano dal commercio globale, dal rallentamento cinese, e dal perdurare di Brexit e della situazione italiana mentre le proteste in Francia hanno già depresso l’attività economica e potrebbero continuare a farlo». Per l’Italia Barclays prevede un -0,1% con una forte probabilità che emerga un dato anche peggiore.
Oxford economics continua a indicare un pil stabile al +0,2% per lo scorso autunno, ma con una crescente probabilità di una revisione allo 0,1%. Il rimbalzo – per Vanda Szendrei – è però solo rinviato, probabilmente a questo primo trimestre del 2019: il rallentamento continua a essere legato a fattori transitori, spiega, mentre «i fondamentali domestici restano forti». In Germania, in particolare, gli ordini inevasi erano ai massimi a novembre, i nuovi ordini in aumento e la disoccupazione in calo.
Continua invece a puntare a un +0,3%, in marginale accelerazione quindi dal +0,2% del terzo trimestre, la Hsbc. «La nostra previsione – spiega Chris Hare – è che la crescita possa oscillare tra lo 0,3 e lo 0,4% per tutto quest’anno e il prossimo; ma perché questo si avveri deve verificarsi una combinazione di due fattori. La produzione industriale deve stabilizzarsi, malgrado prospettive globali più deboli; e la domanda domestica, e in particolare quella dei consumatori, deve crescere a un ritmo sufficiente».
Fattore, quest’ultimo, che secondo la Hsbc è probabile: la crescita del terzo trimestre, in un contesto di produttività in aumento annuale pari a zero, è stata realizzata con un aumento dell’occupazione, accompagnata anche da un incremento dei salari. Tutto questo non esclude che qualche conseguenza potrebbe ora esserci – continua Hare – per la politica monetaria della Banca centrale europea: i rischi per la crescita potrebbero ora essere indicati come orientati verso il basso e non più equilibrati, mentre – aggiunto la Hsbc – sembrano esclusi a questo punto rialzi dei tassi per questo’anno e fino a tutto il 2020. Oggi le indicazioni della Bce indicano che i tassi potranno restare a zero almeno fino all’estate del 2019.
Meno ottimiste sono le previsioni dell’Ocse, che ieri ha pubblicato il suo leading indicator, un indicatore che permette di prevedere i punti di svolta (dall’espansione alla contrazione, e viceversa) con un anticipo di almeno sei mesi: per Eurolandia, la svolta nell’indice è stata registrata a dicembre del 2017 e si è progressivamente approfondita (senza indicare possibili rimbalzi): la frenata dell’Unione monetaria è iniziata subito dopo.
In un segnale di crescente nervosismo tra i politici europei per un rallentamento che si sta mostrando più pronunciato del previsto, ieri la nuova presidente della Cdu tedesca, Annegret Kramp-Karrenbauer, ha sollecitato una riduzione delle tasse in Germania. Conosciuta con l’acronimo che compone le sue iniziali, Akk, la leader politica si è detta favorevole a un rapido taglio delle imposte in modo «da prevenire» una frenata troppo brusca dell’economia. Più cauto fino ad ora si è mostrato il ministro delle Finanze, il socialdemocratico Olaf Scholz, secondo il quale l’alleggerimento fiscale sarebbe giustificato in presenza di un rallentamento evidente.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa