Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Europa, priorità all’occupazione»

BRUXELLES — « Siamo qui principalmente per combattere la disoccupazione giovanile», ha annunciato il presidente stabile del Consiglio dei capi di Stato e di governo dell’Ue, il belga Herman Van Rompuy, dando il via alla due giorni del summit. Le drammatiche stime in Europa, che parlano di oltre 26 miIioni di disoccupati con ben 5,6 milioni sotto i 25 anni, hanno reso il problema urgentissimo. Il premier britannico David Cameron ha rallentato i lavori a Bruxelles, conclusi dopo l’una di notte, minacciando il veto all’accordo sul bilancio Ue 2014-2020. Pretendeva il mantenimento integrale del discusso sconto sui contributi all’Ue per il Regno Unito, ottenuto negli anni di Margaret Thatcher.

Il premier Enrico Letta ha poi confermato l’accordo. La cancelliera tedesca Angela Merkel si è detta «molto soddisfatta». Senza il sì di Londra, nella notte, non sarebbe stato possibile varare nemmeno i già previsti 6 miliardi per la Garanzia per i giovani, che impone di offrire un lavoro o un corso di formazione entro quattro mesi dal termine degli studi o dall’inizio della disoccupazione. All’Italia spetterebbero 400-600 milioni. L’importo è stato poi aumentato a 8-9 miliardi e dovrebbe essere concentrato nei primi due anni, invece che tra il 2014 e il 2020, per avere un impatto più rapido. Un ulteriore contributo all’occupazione dovrebbe arrivare dalla Bei con finanziamenti per le piccole e medie imprese. Ma i Paesi del Nord e quelli del Sud si sono divisi sul ruolo di questo istituto. Letta, che attendeva dal summit l’uscita ufficiale dell’Italia dalla procedura per deficit eccessivo, intendeva promuovere anche una mini-golden rule per far escludere alcuni investimenti nazionali per l’occupazione e per le infrastrutture dal calcolo del disavanzo.

I 27 leader sanno che i cittadini si aspettano molto di più contro la disoccupazione. In vari Paesi membri stanno crescendo le proteste per una Ue che spende poco per l’occupazione, mentre ha avallato aiuti diretti e indiretti per centinaia di miliardi alle banche. In Germania l’opposizione socialista accusa Merkel di ipocrisia nei suoi annunci di impegno per l’occupazione, dopo aver imposto in Europa misure di austerità generatrici di perdite di posti di lavoro. Al mattino il presidente della Commissione, il portoghese Josè Manuel Barroso, insieme al presidente di turno del Consiglio Ue, l’irlandese Enda Kenny, aveva convinto il presidente dell’Europarlamento, il tedesco Martin Schulz, a ritirare la minaccia di veto al bilancio Ue 2014-2020. Gli eurodeputati, che hanno potere co-decisionale sul bilancio Ue, hanno accettato la riduzione a 960 miliardi in 7 anni, imposta soprattutto da Regno Unito e Germania, e hanno ottenuto una revisione di medio termine per poter ridiscutere i tagli se la crisi fosse superata.

I 27 leader possono procedere sul progetto di Unione bancaria, che punta a stabilizzare il sistema creditizio colpito dalla crisi. Nella notte prima del summit i ministri finanziari dell’Ecofin avevano convinto Germania e Francia ad accettare un compromesso sul trasferimento dei costi per i salvataggi bancari dallo Stato ai privati (azionisti, alcuni obbligazionisti e grandi depositanti). I depositi fino a 100 mila euro saranno garantiti. La Germania ha accettato che, in casi particolari, sia possibile intervenire in parte con denaro pubblico, come chiedevano Francia e Italia.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'acquisto della banca senese potrebbe permettere al gruppo milanese di ridurre la distanza dal lead...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni l’attenzione dei commentatori politici è stata focalizzata sulle modalità di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo Conte bis è entrato in crisi proprio quando alcuni dossier economici di capitale importa...

Oggi sulla stampa