Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Europa in deflazione, Italia ai minimi dal ‘59

Non è più la previsione di ieri, è la certezza di oggi. L’istituto di statistica Eurostat ha confermato dai suoi ultimissimi calcoli che a dicembre l’Eurozona è entrata in deflazione, cioè in una condizione potenzialmente incendiaria se unita a una crescita economica negativa, a un alto debito pubblico, a qualche impennata di troppo sul deficit. 
Adesso l’inflazione si è prima azzerata, e poi è passata al segno negativo nei 19 Paesi dell’euro, o in quasi tutti. Un dato che ha spinto l’euro a quota 1,18 sul dollaro, il livello più basso registrato negli ultimi nove anni. I pessimisti si aspettavano in media per dicembre un calo dei prezzi intorno al -0,1%. ma il calo si rivela più marcato, a quota -0,2%. Una caduta mai così forte dal 2009 in poi. Mentre l’obiettivo della Banca centrale europea sarebbe quello di arginare l’incremento dei prezzi intorno al +2%. Quell’opposto -2% è, appunto, la deflazione classica, che segue alla cosiddetta inflazione negativa: nel 2014, il tasso medio annuo di incremento dei prezzi in Italia (+0,2%) ha toccato infatti il suo punto minimo dal 1959. Questo, spiega un’analisi della Coldiretti, anche a causa «dei prezzi dei prodotti alimentari non lavorati come frutta, verdura, carne e pesce fresco che fanno registrare una riduzione dello 0,8% annuo e sono di fatto in deflazione». Può essere un vantaggio, dicono alcuni economisti: prezzi più miti possono stimolare la domanda e indirettamente anche il potere d’acquisto, dunque i consumi. Ma altri ribattono: se la saccoccia è vuota, soprattutto vuota di fiducia, chi ha paura continua ad avere paura e i consumi restano tuffati nella palude. Cioè tornano al livello di 33 anni fa, come sta accadendo adesso.
Non tutti sono Cassandre, però. C’è anche chi spera qualcosa, dall’incupirsi della situazione: non perché ne goda o sia menagramo, ma perché questo gli fa confidare sempre più nel miracolo tanto implorato, il q.e. o «quantitative easing», cioè le iniezioni-prestiti agevolati che la Bce potrebbe concedere alle varie banche dei Paesi più fragili, e – si spera sempre – ai loro cittadini. Operazione straordinaria, il famoso bazooka che potrebbe partire il 22 gennaio, all’ultima riunione della Bce prima delle elezioni greche. A sperare più di tutti nel quantitative easing sono le Borse, come hanno fatto vedere anche ieri: tentativi di riscossa dei listini un po’ dovunque, poi l’afflosciamento che ha coinvolto anche Milano. Intanto Berlino, e anche Alexis Tsipras da Atene, cercano di gettar acqua sul fuoco: mai pensato al Grexit, l’uscita dalla Grecia dall’euro. Manca poco, basteranno tre settimane per capire.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nonostante la pandemia tante aziende hanno deciso o subìto il lancio di un’Opa che le porterà a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Peugeot-Citroën ha annunciato di aver parzialmente rimarginato le ferite della prima parte dell’a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Meno macchine, meno motori termici, e un ritorno al futuro nei modelli. Ecco la ricetta del nuovo am...

Oggi sulla stampa