Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Esselunga sbarca a Roma con il primo «superstore»

L’idea di sbarcare nella capitale c’era già dal 2002, e ieri, dopo un iter burocratico durato più di otto anni, l’evento si è concretizzato: anche Roma ha da ieri il suo primo superstore Esselunga. L’inaugurazione ha visto migliaia di romani mettersi in coda alle casse del negozio che ha aperto sulla via Prenestina, all’angolo con viale Palmiro Togliatti, nella zona Est della capitale. Si tratta di una struttura estesa su 4.600 metri quadrati di superficie di vendita, con parcheggi in grado di ospitare oltre 800 automobili. Il 154° superstore della catena vede impiegati complessivamente 171 dipendenti (134 dei quali neoassunti provenienti dal territorio circostante). L’investimento per l’opera è stato di oltre 11 milioni, di cui 6,5 milioni per opere di urbanizzazione nell’ambito del programma di riqualificazione urbana “Centro servizi prenestino” (sono stati conservati resti di un acquedotto romano e di una necropoli ritrovati nel corso dei lavori).
«In occasione dei 60 anni di Esselunga, ci è sembrato importante inaugurare la nostra presenza in un mercato fondamentale come quello della capitale», ha spiegato Gabriele Villa, direttore commerciale di Esselunga. L’obiettivo dell’azienda è consolidarsi nella capitale con questo megastore, ed eventualmente procedere poi con altre aperture (su cui si stanno già cercando le location più adatte). Il mercato romano, con quasi 2,9 milioni di potenziali consumatori (4,3 se si considera tutta la provincia) è sicuramente appetibile, ma è anche molto competitivo, con i suoi oltre 300 supermercati alimentari e 25 ipermercati. Tuttavia Esselunga ha studiato a lungo il mercato e ha modellato il suo megastore in base ai consumi dei romani. La convinzione è che il negozio sulla Prenestina possa affermarsi sfruttando i suoi punti di forza: assortimento, servizi e prezzi. La frutta e verdura sfusa e confezionata è presente con oltre 500 prodotti; la pescheria ha il pesce locale sbarcato dai vicini porti ad Anzio e Terracina con la garanzia del marchio “Pescato nel mare Tirreno”; la macelleria, poi, ha oltre 350 tagli e la gastronomia più di 400 specialità.
Esselunga (che ha a lungo legato il suo nome al patron Bernardo Caprotti, scomparso a settembre dell’anno scorso) è una delle principali catene italiane nel settore della grande distribuzione, presente in Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Liguria e Lazio. Fondata nel 1957 con l’apertura a Milano del primo supermercato in Italia, conta oggi quasi 23mila dipendenti e un fatturato di 7,5 miliardi di euro. L’organizzazione dell’azienda è basata sui tre centri distributivi: uno alle porte di Milano, uno a Biandrate (Novara) e uno alle porte di Firenze (questo serve anche il megastore di Roma). Ai tre centri arrivano tutti i prodotti che, controllati e frazionati, vengono distribuiti ai negozi.

Andrea Marini

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre mesi per le riforme. Cruciali, delicatissimi, fondamentali. Un calendario denso che nelle intenz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bastano uno smartphone o una chiavetta usb per registrare conversazioni dal vivo o telefoniche e rac...

Oggi sulla stampa