Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Esselunga nel Guiness Record

Un’operazione di consegna auto mai vista, con tanto di giudice accreditato Guinness World Record che ha decretato l’ingresso nel libro dei primati del record raggiunto: nel week end scorso a Torino, in meno di 48 ore, 1.495 Fiat 500 sono passate, durante un evento di marketing colossale, dalla pista di collaudo di Mirafiori (il luogo in cui sono state testate molte delle vetture che hanno contribuito a costruire la storia del marchio) dove erano schierate come tanti soldatini bianchi, direttamente nelle mani dei vincitori del concorso per festeggiare i 60 anni di Esselunga.

A scandire il count down dell’operazione di consegna un tabellone elettronico posto al di fuori della location dell’evento e che ha, quindi, coinvolto in veste di spettatori, non solo i premiati, ma anche i passanti e gli incuriositi condomini dei palazzi antistanti la location della kermesse.

Tutta l’operazione a premi, del valore di 27 milioni 628 mila euro Iva e imposte sostitutive esenti, ha richiesto otto mesi di preparazione.

L’esercito di piccole Fiat era stato messo in palio dal 26 gennaio al 26 marzo attraverso otto estrazioni settimanali per premiare la fedeltà dei clienti Esselunga.
Una maxi promozione avviata dopo che a dicembre si era chiusa quella che aveva assegnato, direttamente nei punti vendita, migliaia di iPhone 7, bottiglie di spumante e altri piccoli e grandi premi tra accessori di design per la casa e generi alimentari pregiati.
E tra i clienti di store e superstore, narrano le cronache, c’è anche chi è riuscito a portare a casa sia l’ambito smartphone bianco sia la vettura versione deluxe.

I vincitori accorsi a Torino sono usciti da Mirafiori alla guida di un’auto, basata sull’allestimento Lounge 1.2 69CV, bianco pastello con interni avorio, tetto panoramico in vetro, calotte specchio, griglia anteriore cromata, volante in pelle, targhetta interna numerata e badge Esselunga sul montante. Il modello specifico è stato sviluppato insieme al Centro Stile Fiat appositamente per il concorso, con una personalizzazione dedicata. La dotazione include 7 airbag, climatizzatore, sistema di infotainment Uconnect 5” Radio Live, porta aux-in e usb, comandi al volante e luci diurne a led.

La cerimonia di premiazione, organizzata da Prodea Group, azienda torinese leader di settore (che ha curato anche la complessa macchina di convocazione dei premiati e preparazione dei documenti), in due giorni, non ha avuto un attimo di incertezza o di cedimenti. I vincitori, scaglionati su più fasce orarie, sono stati accolti da un esercito di assistenti in divisa che hanno assegnato loro la coccarda azzurra con il numero della vettura da consegnare. In attesa della verifica dei documenti per la consegna delle chiavi dell’auto i visitatori e i loro accompagnatori hanno potuto beneficiare di un buffet (colazione dolce per i primi arrivati del mattino, specialità salate per quelli della seconda metà della giornata, tutti prodotti Esselunga, più un corner sponsorizzato da Martini per l’aperitivo di rito, tanto apprezzato da generare persino qualche timore da parte di chi doveva rimettersi alla guida) e hanno potuto apporre con un pennarello la propria firma su una Cinquecento predisposta per l’occasione.

Il primo vincitore a ritirare il premio è stata una donna.

Al momento della consegna delle chiavi della vettura era prevista un’altra sorpresa: l’omaggio di un portachiavi a forma di ovetto in acciaio, firmato da Alessi (griffe del design spesso partner del colosso della gdo nelle iniziative a premi o fedeltà), con all’interno il gettone in acciaio, col logo Esselunga, da inserire nel carrello della spesa (quella moneta che quando c’è bisogno non è mai a disposizione). Poi tutti sul pulmino, destinazione pista, e qui il primo giro, con l’agognata vettura, circondata dalle sue simili ancora da assegnare e, quindi, con una mano sul volante e l’altra fuori dal finestrino per salutate, l’uscita trionfale da Mirafiori.

«Questo record e la partnership con Esselunga», spiega Fca in una nota congiunta con Esselunga, «confermano l’unicità che caratterizza da sempre la storia della Fiat 500 e che contribuisce al suo successo mondiale. Esselunga, per festeggiare i suoi 60 anni di attività, ha scelto di premiare con un’auto d’eccezione, unica nel suo genere, la fedeltà dei clienti che ogni giorno continuano a scegliere i prodotti e i servizi offerti loro, condividendo gli stessi valori di attenzione al cliente e unicità che accomunano Fiat ed Esselunga».

Dei 1.520 vincitori, i restanti 25 che per vari motivi non hanno ancora ritirato la vettura avranno la possibilità di farlo nei prossimi giorni.

E se è vero che il marketing è sempre più basato sui big data e sarà sempre più un mestiere da scienziati e da analisti, l’evento Esselunga, ha svelato il volto e le storie dei clienti: quei visi e quelle emozioni che non traspaiono dalla massa dei grandi numeri.

I vincitori sono arrivati da gran parte d’Italia: Lazio, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Liguria, Lombardia e Piemonte. Serpeggiava l’emozione sui treni, sugli autobus, sui taxi, sulle vetture che hanno portato i fortunati a Torino. ItaliaOggi era presente all’evento e l’ha testato in diretta.

A ritirare la Cinquecento c’era la coppia di anziani coniugi incredula («Mai nella vita avremmo potuto immaginare di possedere una vettura nuova alla nostra età»), la famigliola con le gemelline al seguito che scalpitavano per mettere la loro firma sulla vetturetta bianca esposta, il tipo metropolitano che non ha rinunciato a portarsi dietro il cane, di taglia grossa, che si è subito accomodato nel bagagliaio della vettura come in una confortevole cuccia («Averlo saputo, avrei portato anche il mio», ha commentato rassegnato qualcuno), il cliente orgoglioso ma disincantato («Sono trent’anni che faccio la spesa grossa del week end all’Esselunga, non ho mai tradito Caprotti, è giusto che premino noi fedelissimi»). Sono rimasti esclusi dal concorso i clienti del nuovo superstore di Roma inaugurato a iniziativa chiusa, ma per loro sarebbero allo studio iniziative ad hoc.

I manager di Esselunga, i dirigenti, i rappresentanti di Fca e Prodea Group presenti si sono prodigati per assistere e risolvere tutti quei piccoli e grandi problemi che insorgevano man mano che l’operazione procedeva (l’assicurazione attivata solo da mezzanotte da retrodatare, la mail con gli estremi da stampare, i dubbi sul rodaggio del motore e sulla velocità da tenere in autostrada con la vettura nuova).

Tutti i vincitori sono accomunati da un insolito dettaglio oltre che dallo stesso modello di vettura: la targa, che ha come iniziali «FK». In autostrada, sulla via del ritorno, era tutto uno strombazzare di clacson tra chi si riconosceva, grazie alla targa, e così a ogni Autogrill fino a destinazione. Una festa, in alcuni casi, continuata all’arrivo a destinazione. Il giorno dopo ancora colpi di clacson tra una Cinquecento Esselunga e l’altra, sbucata dietro l’angolo o incontrata per caso proprio nel posteggio del supermarket vicino a casa. Sì perché poi alla domenica, causa viaggio a Torino, il frigo di molti vincitori era vuoto e la spesa della settimana era ancora da fare.

Più investimento in fedeltà di questo.

Marco Livi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa