Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Esodi», decreto al traguardo

Arriverà all’inizio della prossima settimana, e comunque entro la fine di maggio, il decreto interministeriale sulla salvaguardia previdenziale dei 65mila lavoratori cosiddetti «esodati». A garantire che il provvedimento è sostanzialmente pronto è stato ieri il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, prima dell’ultimo incontro tecnico con i sindacati. Che restano critici sulla soluzione adottata dal Governo.
Sempre la prossima settimana, più precisamente mercoledì, entrerà nel vivo alla Camera la partita sugli «esodandi» (i lavoratori che nei prossimi anni transiteranno per la mobilità lunga). I capigruppo della maggioranza, infatti, incontreranno Cgil, Cisl, Uil e Ugl in commissione Lavoro con l’obiettivo di individuare una soluzione per garantire l’uscita con i requisiti in vigore prima del varo della riforma Fornero anche alla platea che l’Inps ha stimato in 130mila lavoratori e i sindacati in 300mila. Proprio Fornero ieri ha sottolineato che «non tutti i problemi sono risolti», ma «si risolvono con la buona volontà di tutti, trovando le risorse necessarie che oggi il ministro non ha a disposizione». Trovare i soldi non sarà facile. Ma a premere non sono soltanto i sindacati. A chiedere con forza al premier Mario Monti una soluzione a tutto tondo del problema esodati è stato ieri il leader del Pd, Pier Luigi Bersani: «Non è accettabile dire che oltre alla quota stabilita non ci sono risorse per gli altri».
Intanto i primi 65mila “salvaguardati” potranno andare in pensione con le vecchie regole. La platea è composta di 25.590 lavoratori in mobilità ordinaria per accordi sindacali sottoscritti entro il 4 dicembre scorso, 3.460 in mobilità lunga (sempre per accordi sindacali sottoscritti entro il 4 dicembre), 17.710 titolari di una prestazione straordinaria a carico di fondi di solidarietà sulla base di accordi collettivi (bancari) e 10.250 autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione con al massimo due anni dall’età pensionabile. Il salvataggio riguarda anche 950 lavoratori della Pa con esonero dal servizio in corso, 150 genitori di disabili e 6.890 lavoratori che hanno risolto il rapporto di lavoro prima della fine del 2011 in base ad accordi con incentivi all’esodo.
Insoddisfatti per l’esito del tavolo tecnico di ieri pomeriggio, i sindacati affidano agli incontri con i gruppi parlamentari la ricerca di soluzioni per tutelare tutti i lavoratori che per effetto del repentino innalzamento dell’età pensionabile rischiano di rimanere senza pensione e senza più alcun ammortizzatore. «C’è un errore a monte – spiega Vera Lamonica (Cgil)– il decreto è concepito sulla base delle risorse disponibili e non in base alla platea di lavoratori interessata da accordi, penalizzata dalla riforma pensionistica». Per Maurizio Petriccioli (Cisl) la «copertura economica potrà arrivare utilizzando una piccola parte dei 140 miliardi di euro che in dieci anni verranno risparmiati con la riforma previdenziale». Il decreto interministeriale, secondo Domenico Proietti (Uil) contiene una «interpretazione restrittiva del decreto Salva Italia, perché impropriamente riduce la platea di lavoratori beneficiari della norme che consentono di andare in pensione con i vecchi requisiti pensionistici».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa