Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Esecuzioni immobiliari sveltite

Per le esecuzioni immobiliari nazionali 40 giorni in meno rispetto al 2016 mentre aumenta il numero di fascicoli chiusi (+11,38% nel 2017 rispetto all’anno precedente). La durata media nazionale dell’intera procedura è passata dai 5,11 anni del 2016 ai 5 anni del 2017. Il tribunale più efficiente è quello di Trieste, con una durata media di 1,62 anni, seguito da Napoli Nord (1,69 anni), Ferrara (2,28 anni), Aosta (2,38 anni) e Bolzano (2,41 anni). Nel 2016 il più virtuoso era stato il tribunale di Napoli Nord (1,33 anni), seguito da Trieste (1,76 anni), Bolzano (2 anni), Roma (2,57 anni) e Ferrara (2,62 anni). Il tribunale con la procedura più lunga nel 2017 è quello di Locri – RC (16,73 anni), seguito da Castrovillari – CS (10,88 anni), Fermo (10,44 anni), Cosenza (10,28) e Caltagirone – CT (10,20 anni); nel 2016, invece, il tribunale meno virtuoso era stato quello di Potenza (11,82 anni), seguito da Castrovillari (11,65 anni), Locri (11,63 anni), Barcellona Pozzo di Gotto – ME (11,19 anni) e Paola – CS (10,16 anni). Lo rivela lo «Studio dei tempi dei tribunali italiani in materia di procedure esecutive individuali»* realizzato dall’Associazione Tsei (Tavolo di Studio sulle Esecuzioni Italiane), giunto alla seconda edizione e presentato nei giorni scorsi alla Camera del Senato. «L’obiettivo di questo studio è quello di offrire chiavi di lettura per analizzare il settore», ha dichiarato Stefano Scopigli, Presidente dell’Associazione Tsei. «Con le ultime modifiche legislative, stiamo assistendo a una significativa accelerazione dei tempi e a un miglioramento delle procedure che stanno avvicinando sempre di più il nostro Paese alle medie europee; lo dimostrano i dati del primo semestre di quest’anno, in base ai quali i tempi dei primi tre tribunali in classifica sono inferiori ai due anni. Ulteriori elementi positivi si potranno riscontrare quando gli effetti della ripresa economica incideranno anche sul valore degli immobili e non solo sul numero delle compravendite». Lo studio, condotto sui dati di 140 tribunali italiani presenti sul Portale dei Servizi Telematici del ministero della Giustizia, evidenzia che nel 2017 sono state concluse oltre 64 mila esecuzioni immobiliari, con un incremento dell’11,3% rispetto al 2016 e che, per la prima volta, i fascicoli definiti hanno superato di circa 4 mila unità quelli iscritti: un dato che indica il recupero dell’arretrato e il miglioramento della produttività degli uffici giudiziari. Per le diverse fasi della procedura, quella della vendita è la più lunga; le Isole, con una durata media di 4,57 anni, sono sensibilmente al di sopra della media nazionale (2,75 anni), mentre il Nord Est è di poco inferiore (2,16). E prosegue anche nel primo semestre 2018 il recupero dell’arretrato, con un saldo positivo di circa 3 mila posizioni chiuse rispetto a quelle iscritte.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa