Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tutto esaurito per l’aumento Unicredit

Jean Pierre Mustier è riuscito nella sfida: l’amministratore delegato di Unicredit ha convinto i soci a versare ben 13 miliardi per rinforzare il gruppo di Piazza Aulenti, ripulirne il bilancio da 17 miliardi di vecchi crediti in sofferenza (i progetti «Fino» e «Porto», con Pimco e Fortress) e dargli carburante per recuperare redditività.

Le sottoscrizioni — al prezzo di 8,09 euro per azione, offerte con uno sconto del 38% — sono state pari al 99,8%, decretando il tutto esaurito per la maggiore ricapitalizzazione mai effettuata in Italia. I pochi diritti inoptati saranno offerti in Borsa fino al 6 marzo ma con ogni probabilità si chiuderà prima.

In questo modo Mustier rientra nei livelli patrimoniali che solo temporaneamente erano stati abbandonati (con l’indice tier1 sceso all’8% da oltre il 10%) dopo le maxi-svalutazioni per circa 13 miliardi che hanno portato a un rosso sul 2016 di 11,8 miliardi. Il livello patrimoniale si attesta sopra l’11% e la banca potrà pagare senza patemi la cedola sui bond Tier 1 a metà marzo.

Ora il banchiere francese dovrà realizzare il piano industriale di «trasformazione» della banca da qui al 2019 nel global banking e nella digitalizzazione. Ha già raggiunto accordi sindacali per l’uscita di 14 mila dipendenti (su quasi 100 mila totali) e ha venduto Pioneer e quote di Fineco e della polacca Pekao. Il tutto per rispettare la promessa di un ritorno superiore al 9%, sulla base della quale ha incassato la fiducia dei tanti fondi istituzionali che costituiscono gran parte dell’azionariato della banca. Ma anche il rialzo del titolo di quasi il 40% dal suo arrivo, lo scorso luglio, al varo dell’aumento del 6 febbraio, ha contribuito a sostenere lo sforzo di un’operazione a forte sconto. Anche ieri il Unicredit ha chiuso a +1,14%. Ma una mano l’ha data anche il consorzio di ben 30 banche, guidato da Morgan Stanley e Ubs (advisor) con Bofa ML, Jp Morgan e Mediobanca (global coordinator), Citigroup, Credit Suisse, Deutsche Bank, Goldman Sachs e Hsbc (co-global coordinator), cui vanno oltre 400 milioni di commissioni.

Confermano le posizioni i grandi soci: il fondo americano Capital Research al 6,7%, il fondo sovrano di Abu Dhabi, Aabar, al 5,04%. Diverso il caso dei soci storici italiani: le Fondazioni — un po’ per l’entità dello sforzo, un po’ per rispettare il limite del 33% nell’investimento bancario — hanno fatto un passo indietro. Cariverona scende dal 2,3% all’1,8%, la torinese Crt dal 2,2% all’1,7%; la Fondazione Cr Modena arretra allo 0,50% e una quota frazionale l’avrà la Fondazione Monte di Bologna e Ravenna. Dovrebbero aver sottoscritto anche i «privati» come Del Vecchio o Caltagirone. La compagine italiana resta dunque rilevante ma avrà un peso più limitato nella governance. Nel 2018 si rinnoverà il board, che scenderà da 17 a 15 membri e da tre a un solo vicepresidente, oggi tutti italiani.

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa